Benvenuti in Bottega, il piccolo laboratorio che ho aperto per condividere le mie passioni: la pittura e la pasta di mais. Dai miei pasticci nascono le creaturine della Bottega: fate svolazzanti (attenzione, abbassate la testa), sirene, creature magiche e piccoli animaletti. Qui c'è sempre una gran confusione, quindi non spaventatevi se vedete passare un topino o una chiocciola... siamo tutti un po' matti! Però tutti con una fiaba da raccontare :)
Buona passeggiata!

lunedì 10 dicembre 2012

Crepe sulla pasta di mais: cause e rimedi

Un altro post "di servizio"... anche perché non ho creaturine pronte da mostrare, lo confesso XD Qui ho fate che battono il piedino, impazienti di ricevere il proprio vestito, topoli che saltellano, creature che attendono di partire con la valigia pronta... la Bottega in atmosfera natalizia è più caotica del solito!
Perciò, ho pensato che potesse essere interessante parlare del problema peggiore nel quale si incorre lavorando la pasta di mais: le crepe!
Penso che tutti quelli che hanno a che fare con questa pasta le abbiano viste comparire almeno una volta e le abbiano maledette per aver rovinato il lavoro... e soprattutto si siano, anzi ci siamo, chiesti: perché?!
Da quello che ho capito io le cause sono varie (purtroppo)...

1. Errore nella manipolazione della pasta: Questa è una causa strettamente legata all'esperienza, secondo me. Se si lavora la pasta già da un po' viene automatico "eliminare" l'errore, ma chi si avvicina le prime volte alla pasta di mais è più soggetto ad avere delle palline con le crepe... e l'errore stà proprio nel modo di fare la pallina. Dopo aver lavorato la pasta (mi raccomando, va lavorata bene), per lo più si piega in due il pezzetto e si passa a fare la pallina... ed ecco che appare la crepa prima ancora che la pasta si sia asciugata:


La pasta non si salda bene e rimane distaccata, facendo in questo modo, ed è quindi molto più facile che ci siano delle crepette. Magari piccole, ma anche la crepa più piccola tende ad ingrandirsi in asciugatura dato che la pasta di mais restringe. La soluzione è piuttosto semplice: piegate in due la pasta, saldate un po' i bordi con le dita e poi fate la pallina... sembra una cosa quasi banale, ma non lo è affatto... è un'inezia che può salvare un lavoro!


2. Impasto troppo cotto: Nella foto qua sotto ho paragonato un impasto cotto al punto giusto e uno un po' più cotto del necessario. La pasta di mais ben cotta è liscia e omogenea, bella malleabile e morbida quel tanto che occorre a saldarsi mentre modelliamo il pezzo.
Un impasto troppo cotto è, invece, duro e tende a sgretolarsi... e c'è da star sicuri che, non saldandosi bene, farà uscire le crepe. Se è troppo cotto, spesso, non permette nemmeno di fare le palline!


Quindi bisogna cercare di avere un buon impasto, per vedere se la cottura è buona potete fare un piccolo test: prendete un pezzetto di pasta e tiratelo. Se "fila" un po' allora la consistenza è giusta, se si spezza senza filare è un pelo troppo cotto. Il che non significa che sia da buttare, eh... con il mio più duro faccio capelli e vestiti, stanno in posa che è un piacere :D


3. Sbalzi termici in asciugatura: Alla pasta di mais gli sbalzi di temperatura mentre asciuga non piacciono nemmeno un po' (è pure esigente). Il risultato di uno sbalzo possono essere, per l'appunto, le crepe. E' meglio lasciarla asciugare a temperatura ambiente, in luoghi nè troppo caldi (non è un caso che d'estate il rischio di crepe aumenti) nè troppo freddi. Niente forno in nessun caso, da evitare anche l'heat gun/embosser a meno di non stare più che attenti... ho provato e il rischio di bolle da ustione è altissimo! Bisognerebbe evitare anche il termosifone, anche se... onestamente il termosifone lo uso XD L'accorgimento è quello di lasciar tirare un po' la pasta a temperatura ambiente e poi finire l'asciugatura sul calorifero, di solito non ci sono problemi.

4. Strato asciutto che si rompe: La pasta di mais asciuga all'aria, quindi inizia a seccarsi già mentre modelliamo e forma molto presto una specie di pellicola superficiale più asciutta. Se continuiamo a ritoccare la nostra creazione questa pellicola scorre sullo strato sottostante ancora morbido e, avendo ormai perso elasticità, spesso si rompe. Indovinate cosa creano queste microfratture? Di nuovo le crepe maledette -_- Purtroppo qui bisogna solo affidarsi alla pratica: più saremo veloci nella modellazione, meno incorreremo in questo problema.

E se poi, nonostante tutto, la crepe saltassero ugualmente fuori (perché la fortuna sarà anche cieca, ma la sfiga ci vede bene)... l'unica è ripararle. Si spalma la crepa con un po' di colla vinilica, si riempie di pasta fresca, si liscia con cura e poi si livella con la carta vetrata. Il più delle volte le crepe vengono sconfitte :D

Spero che il post sia utile... nel caso abbiate qualcosa da aggiungere o da correggere (potrei aver detto qualche sciocchezza) fatemelo sapere, eh, che aggiorno :)
Torno alle creaturine, altrimenti mi tirano dietro qualcosa!

36 commenti:

  1. Post utilissimo! Penso proprio di non essere l'unica che detesta quelle maledette crepe (e la cosa diciamo che mi rincuora)...! -.-
    Grazie :D

    RispondiElimina
  2. Sei sempre uno "spettacolo della Natura", Sonia!!!
    Intanto ci vediamo tra pochi giorni ;)

    RispondiElimina
  3. Ciao Sonia! :D
    Post uuuuuutile! *_*
    .....Per quel poco che ho fatto con la pasta, il punto 4 è stato davvero la mia maledizione...
    La pasta di mais è già testarda di suo (tempi streeeetti!), poi ha incontrato una che è più testarda di lei, e sono stati dolori! (praticamente pretendevo di ricavare qualcosa dal cuoio, ecco.. XD XD !)
    Però mi piace da matti!!

    RispondiElimina
  4. Ciao Sonia, sempre molto gentile con i tuoi post a dare delle dritte.
    Purtroppo è vero con la pasta di mais ogni tanto si ha qualche problema nonostante si ha a che fare con lei ogni giorno :)
    Proprio oggi, stavo facendo mille cose insieme, mi è capitato di fare la pasta di mais, cuocerla più del dovuto ed ottenere una pasta dura, che si sgretolava, per niente malleabile e quindi non lavorabile. Ottenere una pallina era impossibile :(
    Invece di buttarla ho voluto fare una prova.
    Ho diviso il panetto in quattro pezzi, ho messo ognuno di questi in bicchieri d'acqua molto calda e lasciati in immersione per 4-5 minuti... non di più. Li ho tirati fuori. Li ho reimpastati, contorcendoli, strizzandoli, modellandoli, facendo fuoriuscire l'acqua in eccesso. Li ho appoggiati sulla carta pellicola, messo un pò di crema alle mani e rimpastato. Ho avvolto tutto nella pellicola. Ho controllato dopo 15 min, la pasta era diventata MODELLABILISSIMA!!
    Se vuoi passare il consiglio... fai pure :)
    Un bacione

    RispondiElimina
  5. Grande sonia! Grazie per il tuo consiglio! Un bacio da rita!
    Sai ho aperto un nuovo blog insieme ad una mia amica...per mostrare le nostre creazioni in pasta di mais... dopo tanto ke non lavoravo piu la pasta..mi ci sono rimessa di nuovo e sta volta in compagnia XD spero che passerai a dare un okkiata...ancora non c'è nulla ma speriamo di fare tantissime cose...baci tesoro! Non vedo l'ora di vedere altre tue creature!

    http://fatticonilcuore.blogspot.com

    RispondiElimina
  6. Eh si Soniuccia..anche io ci sono passata per tutti e 4 i punti...però poi lavorandola si "impara" a gestire gli errori..anche io come te riparo così le crepe..mentre modello spalmo la crema sull'oggetto in questione per evitare di farlo seccare, ad esempio mentre faccio il naso, per non far seccare la parte delle labbra..oppure quando è troppo cotta spruzzo dell'acqua e impasto con la crema ammazzandomi le mani, ma ne vale la pena.. la mia testa alla fine è più dura!!!!
    come sempre post utilissimo!;)

    RispondiElimina
  7. *Dona mi sa che le odiamo a morte tutti quanti, vero? XD

    *Patrizio sono in via d'estinzione... per fortuna! XD
    Ormai manca poco :)

    *Laura hihi... quando una pasta testarda incontra una persona testarda son capocciate (sicura che non siamo separate alla nascita io e te?), però senza un po' di cocciutaggine non si ottengono risultati.
    Sai che il punto 4 frega tutt'ora anche me?

    *Concita vero, ogni tanto un imprevisto... e di solito nuovo, così non ci si annoia XD
    Grazie a te per aver condiviso l'esperienza!
    Questa mi mancava *_* Mi avevano passato il consiglio di avvolgere la pasta in un panno bagnato e lasciarle prendere l'umidità da quello per tutta una nottata, ma il tuo metodo è più veloce.
    Allora, se per te va bene, passo la voce :D

    *Marianna anche tu fai parte del club "son più dura di te, noiosissima pasta"? XD Tanto se non capisce chi è che comanda non ci dà ascolto U_U
    Ecco, il problema del recupero degli impasti è la morte delle mani... però buttare via un impasto perchè è duro... no, decisamente no!

    RispondiElimina
  8. Grandissima, Sonia!
    E' da non so quanto che voglio provare a fare la pasta di mais e prima o poi troverò il tempo per applicarmi! E tu sei la mia maestra a distanza, con questi post utilissimi con tanto di foto! ;D
    Grazie!
    Buona serata!

    RispondiElimina
  9. Grazie! un post veramente utile. Ormai ho messo da parte la pasta i mais da un bel pò di tempo, forse anche a causa di questi problemi che non sapevo come risolvere e che mi demoralizzavano..
    Ora vorrei ricominciare.. più informata di prima! :-)

    RispondiElimina
  10. ....eheheh! Sorelline inconsapevoli! :D :D
    Davvero è un problema che qualche volta, quindi, continua a presentarsi anche a te, che sei superbravissimissima?
    Mi stai rincuorando... Però ti dico che a volte, dopo le "capocciate" vicendevoli, è la sottoscritta che ne esce con la testa rotta!...ç_ç
    Vabbè, diciamo che per ora io e pasta siamo ad uno-pari, va' ...
    O quasi! XD XD :*******

    RispondiElimina
  11. *Greta :3 Me felice che il post ti sia utile... e ora forza, mani in pasta! A forza di romperti le scatole ti convincerò! Oppure mi manderai una lettera esplosiva XD

    *PiccoliMonelliCrescono dai dai, riprendi in mano la pasta! Una volta domata ci si diverte tantissimo ^_^

    *Laura eccome se mi capita! Quello e un'altra serie lunghissima di imprevisti -.- Di solito sempre nuovi, vedi mai che mi annoio sennò!

    RispondiElimina
  12. Ciao, arrivo un po' tardi ma avrei una domanda. Leggendo il tuo blog ho voluto provare a fare la pasta di mais. Ho fatto stessa quantita di colla e amido di mais, un cucchiaio di olio johnson, succo di limone e ho cotto. Pochissimo in realà perchè dopo poco si attaccava al fondo e faceva tipo crosticina, ma ho spento prima che diventasse troppo dura e anche la crosticina l'ho potuta impastare.
    Ora, quando ho tolto il composto, era appiccicoso e un po' grumoso e per poter lavorarlo meglio ho aggiunto un po' di maizena. E' venuto perfetto, il problema si presenta quando ho cominciato a lavorarlo, perchè si induriva in pochissimo tempo e perdeva elasticità. Mentre modellavo mi si induriva fra le mani e non permetteva quasi più nessun modellamento. L'ho cotto troppo? O forse è stata la maizena che ho aggiunto dopo la cottura? Qualche consiglio? Grazie! E copmplimenti per il blog, le tue creaziohi sono fantastiche! :D

    RispondiElimina
  13. Ciao!
    Nessun ritardo :) Non credo tu l'abbia cotta troppo, se quando l'hai tolta dal fuoco era ancora bella appiccicosa penso che la cottura andasse bene... forse è l'aggiunta di maizena che l'ha un po' seccata. La prossima volta cerca di impastarla senza aggiungerla, anche se appiccica parecchio... l'appiccicume fa venire un po' di nervoso ma è segno che non è cotta troppo :D
    Il caldo di questi giorni non aiuta oltretutto, la fa asciugare davvero in fretta... se scorri i commenti, leggi quello di Concita, ha scritto un metodo per recuperare gli impasti duri, ci stà che anche il tuo diventi più malleabile :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché invece a me viene mollissima e si affloscia quando faccio le mie creazioni!?

      Elimina
  14. ciao Sonia,
    vorrei approfittare anche se in ritardo della tua disponibilità.
    Non riesco a trovar in giro una risposta alla mia domanda: perchè alcuni miei lavori dopo mesi restano flssibili, non si induriscono. Ti è mai capitato?

    RispondiElimina
  15. Ciao ^^ Nessun ritardo, figurati!
    I lavori ti restano flessibili... perchè è normale :) Succede anche a me, in particolare per le parti più sottili come le ali e i vestiti e la cosa si nota di più con il caldo. E' proprio una caratteristica della pasta, anche se è perfettamente asciutta.
    Addirittura è cosa utile se devi fare degli aggiustamenti... chi fa i fiori con i gambi di fil di ferro rivestiti di pasta sfrutta questa cosa per poter piegare il gambo a pasta asciutta. Gli impasti con la polvere di ceramica, invece, perdono parecchia di questa flessibilità.

    RispondiElimina
  16. Ciao Sonia... vorrei approfittare della tua disponibilitá... e da poco che lavoro la pasta di mais... ho un po di problemi con l'asciugatura... qualsiasi cosa faccio e la poso ad asciugare la parte dove lapoggio o si ritira in dentro o verso fuori... puo essere perche la pasta e troppo morbida o sbaglio qualcos'altro?
    Oppure ho notato che si ritira un po anche questoe normale?grazie

    RispondiElimina
  17. Ciao Deborah :)
    Il fatto che la pasta si ritiri nell'asciugarsi è normalissimo, è una caratteristica della pasta di mais :) Per diminuire il ritiro si può aggiungere la polvere di ceramica all'impasto... la ricetta di questa versione della pasta la puoi trovare qui: RICETTA
    Anche il problema che hai ad appoggiare la creazione ad asciugare capita spesso (purtroppo ç__ç)... se riesci cerca di cambiare posizione all'oggetto ogni tanto, così non pesa sempre sullo stesso punto, oppure appoggialo su qualcosa di morbido come un po' di cotone.

    RispondiElimina
  18. Ciao Sonia
    Grazie mille sei stata gentilissima... provero riguardante l'asciugatura:-))penso che avrò bisogno di qualche altro tuo consiglio...e se nn é un problema approfittero della tua esperienza... grazie per ora...

    RispondiElimina
  19. Di nulla ^^ E se hai bisogno non farti problemi, anche tramite mail :)

    RispondiElimina
  20. Ciao, Sonia. Complimenti per il tuo lavoro. Riguardo ai motivi delle crepe: credo di essere incorso nel primo problema. HO sbagliato metodo di modellazione. Nel senso che ho modellato aggiungendo pezzetto dopo pezzetto, perché volevo modellare un torso maschile, coi muscoli, ecc: mentre la pasta era fresca, i pezzetti di impasto aderivano bene gli uni agli altri , ma asciugandosi appaiono molto meno uniti, e tendono ad apparire sempre più separati. E' sicuramente effetto del ritiro della pasta di mais, ma mi chiedevo: forse è sbagliato modellare come fa questo tipo...https://www.youtube.com/watch?v=RLChpPZ26nM

    forse è necessario modellare solo spingendo e tirando un pezzo intero, azinché procedere aggiungendo pezzo dopo pezzo, come con l'argilla...


    Angelo

    RispondiElimina
  21. Ciao Angelo :)
    Sì, mi sa proprio che i vari pezzi non hanno aderito bene. Poi in asciugatura le linee di giuntura si ingigantiscono, appunto.
    Se riesci a tirar fuori tutto dalla stesso pezzo di pasta il problema non si pone, però è vero che fare un torso maschile senza aggiungere fa diventare matti! In realtà, puoi procedere come nel video, ma devi lisciare benissimo ogni parte che aggiungi... per alcune cose lo faccio anch'io e non escono crepe.
    Usa l'acqua per lisciare, spennellando abbondantemente sulle giunture e saldando bene... è un pochino più lungo che con l'argilla o le paste sintetiche, ma funziona :)

    RispondiElimina
  22. Ciao :) Usi l'impasto con o senza cottura?

    RispondiElimina
  23. Ciao Sonia..... tu che sei l'esperta..... meglio pasta di mais con o senza cottura? ... io la uso senza .. più veloce, più pratico!! ... ma nonostante riesca a fare le mie statuine ho sempre il problema crepe!!!!! Magari con la cottura è più facile la.buona riuscita?

    RispondiElimina
  24. Ah scusa aggiungo .... mi sembra di perdere più tempo x la sistemazione dei difetti della pasta che x la creazione .... magari x quello che faccio non dovrei usare la pasta di mais? .. come si fa a sapere? ... magari dovrei usare altre paste modellabili!!! ... mi aiutii???!!!???@

    RispondiElimina
  25. Ciao Isabella :)
    Uhm, domanda difficile. Personalmente preferisco l'impasto cotto, quello a crudo mi risulta troppo "moscio" e più soggetto a crepe... però conosco persone che, invece, ci si trovano bene.
    Se hai problemi di crepe ti consiglierei di provare l'impasto cotto... purtroppo nell'impasto a freddo bisogna aggiungere parecchia maizena e la pasta tende a seccarsi e a far crepe appunto :( La versione con la cottura rimane più elastica e dà meno questo tipo di problema.
    Io mi trovo bene con la pasta di mais, quindi tendo a consigliarla sempre XD però ognuno ha la "sua" pasta, quella con cui si trova meglio... magari fai una prova con le polimeriche, così vedi se è un tipo di lavorazione che ti è più congeniale :) Mai provato Fimo e affini?

    RispondiElimina
  26. Ciao, io ho provato a farla però forse ho messo troppo olio o non so perché non risulta per niente appiccicoso, poi si sbriciola subitocome posso "recuperarla" ? Grazie

    RispondiElimina
  27. Ciao Paola :)
    Credo che il problema non sia l'olio, ma un pochina di cottura in più... quando l'impasto si cuoce più del dovuto tende a sbriciolarsi. Prova a mettere l'impasto dentro un panno bagnato e strizzato, avvolgendolo bene. Poi chiudi tutto in una busta di plastica e lascia riposare una nottata. Il giorno dopo spacchetta il tutto e impasta bene, la pasta dovrebbe riprendere un po' di umidità e tornare più lavorabile :)

    RispondiElimina
  28. Salve come mai quando la stiro si vedono le bolle d'aria? Come posso risolvere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia :)
      Ti si formano mentre la stendi o dopo... le vedi quando la sfoglia è asciutta, insomma?

      Elimina
  29. Ciao Sonia... dopo averla fatta e impastata l'ho stesa con il mattarello e si vedono tante bollicine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora credo sia solo un po' d'aria rimasta "impastata" :D
      Prova a fare così: non stendere subito il pezzo che ti occorre con il mattarello, schiaccialo prima con le mani premendo bene sulla pasta. Di solito, le si riesce a togliere l'aria all'interno... e dopo puoi finire la stesura con il mattarello :)

      Elimina
    2. Grazie mille per il consiglio... e complimentiper la tua competenza!

      Elimina
  30. Ciao, i tuoi lavori sono stupendi, volevo fare delle scarpette da neonata come bomboniere con la pdz ma so che poi non resisterebbero a lungo, se li faccio con la pasta di mais mi sai dire se durano anni senza rovinarsi con le temperature estive?scusami ma non l'ho mai usata.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :)
      Tranquilla, si mantiene invariata negli anni senza alcun problema... con il caldo l'unica cosa che si nota è che la pasta resta leggermente più flessibile, ma ritorna rigida appena rinfresca. E' una conseguenza della vinavil nell'impasto, ma non ha conseguenze per la resistenza nel tempo. Ho ancora i miei primi mostriciattoli di più di dieci anni fa e sono invariati :)

      Elimina