Benvenuti in Bottega, il piccolo laboratorio che ho aperto per condividere le mie passioni: la pittura e la pasta di mais. Dai miei pasticci nascono le creaturine della Bottega: fate svolazzanti (attenzione, abbassate la testa), sirene, creature magiche e piccoli animaletti. Qui c'è sempre una gran confusione, quindi non spaventatevi se vedete passare un topino o una chiocciola... siamo tutti un po' matti! Però tutti con una fiaba da raccontare :)
Buona passeggiata!

martedì 21 luglio 2015

Nel folto del bosco - Fauno

Nel folto del bosco, se sentite uno scalpiccio di zoccoli, fate attenzione... potrebbe non essere un cervo. O, almeno, potrebbe trattarsi di un cervo fuori dal comune :)


Dopo parecchi giorni di lavoro, qualche noia di troppo a causa del caldo (ma chi non ne ha in questi giorni?) e un brutto scherzo da parte dell'impasto eccolo qui: un nuovo fauno saltellante in Bottega! E' una signorina un po' timida, ma alla fine fa amicizia, eh :)
Il fauno è interamente in pasta di mais... qui è su sfondo bianco:


Si tratta di una commissione, infatti ha alcune caratteristiche della sua "mamma"... e non mi dispiace affatto come è venuta! Anzi, un pochino mi dispiace vederla partire...


Per la base ho usato il legno: un pezzo di corteccia e un ramo rifiniti con il muschio. In fondo ho inserito anche un piccolo ruscello.


Dimensioni: 8 cm circa per il fauno. E anche uno scatto del lato B con codina annessa... credo che la coda sia la parte che più mi diverte mettere ai fauni!


Che dite, piacerà alla sua nuova mamma?
A prestissimo!

martedì 14 luglio 2015

Simplicity - fatina della rosa

"Comunque, è sempre infinitamente più difficile essere semplici che essere complicati" diceva Guareschi (l'autore di Don Camillo, ricordate?). A meno di non essere una fata, aggiungo io... le fate sanno tutto della semplicità :)


L'ho già scritto in un altro paio di post credo, ma sopportatemi se mi ripeto: è davvero difficile che dia un nome proprio a una creaturina. Eppure con lei è stato piuttosto semplice (tanto per restare in tema), perché Simplicity è il nome di una varietà di rosa, simile - spero - a quella che ho provato a rappresentare. Ecco, mi sembrava proprio un nome perfetto per questa piccolina addormentata :)
Fatina e rose sono in pasta di mais, solo le ali sono in sukerukun. La fata è dipinta con gli acrilici, mentre per le rose ho preferito usare i gessetti.


Questa piccoletta è una commissione, un regalo, quando arriverà a destinazione, per qualcuno che ama i fiori e in particolare le rose.
Difficile non amare le rose :)


Le dimensioni... la fatina è lunga circa 3 cm.


Che dite, questa fatina semplice semplice piacerà alla sua nuova mamma?
A prestissimo!

lunedì 6 luglio 2015

Italia 4x4 - E la luna bussò...

Un post in notturna per il 4x4 di luglio, fra luna e cieli stellati... che per qualche motivo mi danno l'idea del fresco, di cui sento tanto la mancanza in questi giorni!
Per l'handmade di questo mese ho scelto le tinte che vanno dal bianco fino al blu notte, passando tra grigi e violetti... venite a scoprire le sedici creazioni sulle note di qualche canzone? Ci saranno new entry e volti noti :)

"E la luna bussò alle porte del buio/"Fammi entrare", lui rispose di no!/E la luna bussò dove c'era il silenzio/ma una voce sguaiata disse/"Non è più tempo"/quindi spalancò le finestre del vento/e se ne andò [...]"
E la Luna bussò - Loredana Bertè 


- Acchiappasogni Jackalope in legno di Twin Moons
- Cameo fairy night and day in pasta polimerica di Angenia Creations
- Orecchini Lullaby, tecnica sautache di Simona Rotaris
- Quadro in cartapesta "Il piccolo Principe" di Fatti di C'Arte

Le "lune gemelle" di Tatiana sono in tema anche nel nome! E lei riesce a rendere molto personali le proprie creazioni, piccoli jackalopi saltellanti compresi :D
Tonia... che devo dire qualcosa su di lei e le sue bimbe meravigliose con i paesaggi in ali e pinne? Che non sono dipinti, ricordiamolo, ma costruiti briciola su briciola con la pasta.
Simona crea dei gioielli splendidi, sia con la tecnica del sautache che del macramè (e non solo)... il collier con cui sta partecipando al Botb (Battle of the Beadsmith) è incredibile e hai già passato il primo turno della competizione, più che meritatamente!
Il quadro del piccolo Principe dimostra quali potenzialità nasconda un materiale "povero" come la carta, che può prendere letteralmente vita e raccontare storie non solo scritte :)

"The last that ever she saw him/Carried away by a moonlight shadow/He passed on worried and warning/Carried away by a moonlight shadow [...]"
Moonlight Shadow - Mike Oldfield


- Vestito da sposa in seta e pizzo di LoreTree
- Ciondolo Honeymoon in pasta polimerica di Ninna Nanna
- Ciopndolo luna in pasta polimerica di Come nelle Fiabe
- Topino totem dipinto su tessuto di Mosmea laboratorio artigianale

Lo so, il vestito da sposa non è proprio notturno ma così bianco e delicato mi ricorda la luna... e poi era una scusa per postare uno dei vestiti da sposa di Stefania :D Sempre tessuto, ma tecnica totalmente diversa per Mosmea che cuce e dipinge animali cuscino o piccoli totem come questo. Potevo forse resistere di fronte a un topino addormentato?
Silvia e Stefania hanno dato un'interpretazione molto personale alla luna: dolcissima e piena nel primo caso, delicata e dal viso di donna nel secondo.

"E quando arriva la notte/e resto sola con me/La testa parte e va in giro/in cerca dei suoi perchè [...]"
La Notte - Arisa


- Orecchini Chloe (linea Golden Darkness) in pasta polimerica di Rory's Bijoux
- Chubby Bat in pasta polimerica di Nobu Happy Spooky
- Collier Dark Lady in seta shibori, swarovski e perle di Serena Di Mercione
- Puntaspilli blu notte in stoffa e pile di Nanaif

Sapete già che ho un debole (e quattro paia di orecchini) per la Rory... questa linea era perfetta per il tema del post! Ho anche un debole per le creazioni di Nobu/Domenico a dirla tutta, ma chi potrebbe resistere di fronte a un pipistrello ciccioso così??
Serena è stata la creativa che mi ha fatto scoprire l'esistenza della seta shibori... i suoi gioielli sono un concentrato di opulenza che, tuttavia, riesce a mantenere un'incredibile leggerezza.
Il puntaspilli di Nanaif... avere un puntaspilli con tanto di esserino che ci tiene compagnia in mezzo alle stelle ha qualcosa di magico.

"Tintarella di luna,/tintarella color latte/tutta notte sopra il tetto/sopra al tetto come i gatti/e se c'è la luna piena/tu diventi candida"
Tintarella di luna - Mina


- Ciondolo civetta in pasta polimerica di Giunda Creazioni
- Khorob, drago in pasta polimerica di Umberto Mulignano
- Unicorno amigurumi di Acchiappasogni Creazioni
- Topino mago in pasta polimerica e pelo applicato di The Fairy Circle

Cosa c'è di più notturno di una civetta? Giulia ha fatto passi da gigante ed è in continua crescita creativa... un piacere seguirla :) Ancora paste per Umberto, specializzato in draghi che ricambiano lo sguardo, come Khorob che sembra proprio venuto tinto di luna (è il mio preferito, sì).
Francesca è un'uncinettatrice coi fiocchi, tanto che se n'è accorta anche la rivista "Solo uncinetto di Susanna" che trovate in edicola questo mese... se trovate anche il suo unicorno con le stelle nella criniera portatelo qui da me, grazie *_* Magari insieme al topino di Sharon, altra "topinatrice" seriale e creatrice di dolcissimi musetti baffuti e non.

Che ne dite dei sedici creativi del mese? Sbilanciatevi... qual'è la creazione che preferite? :)
A prestissimo!

lunedì 29 giugno 2015

La melodia del carillon - Ballerina

Sareste così gentili da dare qualche giro di chiave al carillon di questa minuscola ballerina? Le piacerebbe molto poter danzare :)


Lo so, avevo detto che avrei pubblicato il 4x4 ma, non essendo ancora completo, vi mostro uno dei - piacevoli - motivi che mi ha fatto saltare il post della scorsa settimana.
Avevo già fatto un'altra ballerina del carillon, qualche tempo fa (nel 2011... un po' più di "qualche") ma non mi è dispiaciuto affatto modellare questa sua sorellina per una commissione.
Fata e rose sono in pasta di mais, con aggiunta di sukerukun per la parte anteriore del vestito.
La novità è che... il carillon funziona davvero!


Forse ingrandendo le foto si notano... la ballerina ha tanti minuscoli fiorellini perlati sul corpetto e delle farfalle in sukerukun che le svolazzano sul vestito...



Le dimensioni... la ballerina è alta 6/7 cm circa:


Che dite? Sono un pochino migliorata rispetto alla prima ballerina?
A prestissimo!

giovedì 18 giugno 2015

Una chiocciola da corsa (e un nome)

Sapete qual è il mezzo di trasporto preferito dalle fate? La chiocciola. 
Sì, avete letto bene... un tipo di chiocciole tutt'altro che lente, chiocciole da corsa con un ottimo senso dell'orientamento. Provate a guardare fra le piante del balcone, si riconoscono bene perché hanno sella e finimenti... e, ovviamente, la loro minuscola fatina :)


Fatina, chiocciola e base sono in pasta di mais, mentre il guscio è vero.
Non fatevi ingannare dalla chiocciola, però: la fata è la sorellina di quella minuscola postata qualche tempo fa... 2 cm scarsi.
Avevo detto che mi sarebbe piaciuto farne una sorta di serie e che ero alla ricerca di un nome che le identificasse... mi avevate anche dato una mano per trovarlo :) Alla fine ho deciso di chiamarle lu dì, ovvero "gocce di rugiada" in cinese. Dietro suggerimento di Dany (grazie grazie e ancora grazie!), perché a un nome del genere non avrei mai pensato! Però suona bene all'orecchio e poi è piccolo piccolo anche il nome, come le fate.  


Era tanto che non facevo una fatina a cavallo della chiocciola, mi mancavano le lumache :D


La foto per le dimensioni...


... e ora largo che la chiocciola si mette a correre!
Voi che ne pensate: le lu dì possono entrare a far parte della Bottega?
A prestissimo (con il 4x4 di giugno)!

venerdì 12 giugno 2015

La Bottega alla conquista di un... catalogo d'arte

Sì, avete letto bene. E sì, sarà un post ad alto contenuto zuccheroso quindi poi non mandatemi le parcelle del dentista... io vi ho avvertito in anticipo! :D
Qualche mese fa mi si è presentata l'occasione, meravigliosa, di finire su un catalogo artistico. Quelli che si trovano nelle gallerie e nei provveditorati, avete presente? 
Per essere precisi, l'occasione è arrivata sotto forma di due persone: la prima è Luce di Nuvole di Panna, che ha fatto il mio nome quando si è trattato di inserire fra pittori, scultori e poeti anche dei creativi. La seconda è il presidente dell'associazione Melograno Art di Taranto, Letizia Lisi, che ha curato il catalogo.
Ancora non ho trovato le parole più giuste per ringraziarle, spero che i miei grazie balbettai abbiamo reso un po' l'idea!
Inutile dire che non ho colto l'occasione, mi ci sono proprio tuffata di testa! E stamani eccolo qui... Jonio, Giardino Incantato...


E verso pagina 200 eccomi, anzi eccoci, qua. Anche se, al momento, la mia espressione è un tantino più ebete e beata di quella della foto e credo che tale rimarrà per tutto il giorno.
Per l'occasione son riuscita a scrivere anche una presentazione quasi seria. Quasi, perchè proprio seria non sono riuscita a essere lo stesso:


Nel catalogo sono presenti anche altri creativi, la stessa Luce ma anche Maria Rosaria di Fairymary Jewels e Tiziana di Stranamenteio... insomma, oltre che la soddisfazione (grandissima) personale anche quella di aver visto l'handmade fare la sua comparsa insieme alle arti "maggiori" :)
E qui mi fermo, altrimenti altro che carie ai denti... il diabete vi faccio venire!

lunedì 1 giugno 2015

Cenerentola... sul rocchetto

- Fatina... e le scarpette di cristallo?
- Topina mia, va bene che hai delle zampe piccolissime, ma son pur sempre zampe... ben poco adatte alle scarpe da ballo!


Non è che questa piccola Cenerentola (o Toporentola) sia proprio convinta di quello che ha detto la Fata Topina, però... :D
Questa minuscolo spicchio di favola fa parte di un evento a tema fiabe, un up collettivo su Facebook che avrà luogo il 4 giugno alle 21.00. Trovate l'album e il regolamento QUI, nel caso aveste voglia anche solo di dare una sbirciata alle creazioni proposte. Ovviamente sarà presente anche il rocchetto, pronto ad essere adottato :)


Cenerentola e la Fata sono in pasta di mais, così come il terreno che vedete sul rocchetto. La carrozza, invece, è un charm ridipinto e reso più... più carrozza, ecco.
Rocchetto e spillo sono veri, a dimensione naturale.


Sulla carrozza c'è un minuscolo cristallo a impreziosirla e il diadema della topina è fatto le microsfere, le più piccole che ho trovato nella confezione. Durante la ricerca ne sono saltellate via un certo numero che probabilmente rispunterà mese prossimo...
Per fare tutto questo ho sfruttato la mia nuovissima lente da tavolo che mi ha risparmiato la perdita delle (poche) diottrie rimaste!


Le dimensioni... i topini sono alte circa 1 cm, mentre il rocchetto è di 3 cm (5 se si considera anche la carrozza):


Quindi... 4 giugno, 21.00... sarà un pezzo unico, perchè di carrozze così ne avevo una sola!
A prestissimo!

giovedì 28 maggio 2015

Profumo di tè

Come attirare una fata:
1. Preparate il tè, preferibilmente accompagnato da qualcosa di dolce.
2. Lasciate un fiore, quello è sempre un regalo molto gradito alle fate (e non solo).
3. Attendete... una creatura alata arriverà sicuramente per ringraziarvi di quella piccola attenzione :)

[4. Opzionale - se avete in casa dei topini, teneteli lontani dai dolci o non ne resteranno per le fate!]


Oggi c'è una fatina piuttosto romantica in Bottega :)
Si tratta di una commissione e gli elementi principali dovevano essere la teiera, i cupcake, il bianco e il rosa con una punta di argento... e questo è il risultato.
La fatina è in pasta di mais, così come i cupcake e i fiori, mentre per la teiera ho usato la La Doll che fa molto più effetto ceramica e rimane durissima e leggera. La base è un disco di legno impreziosito da alcune strisce di pizzo.


Mi sono divertita moltissimo con questa fata, c'erano tanti elementi con cui poter giocare. E ammetto di essere molto soddisfatta di come è venuto il viso.


Le dimensioni... l'altezza complessiva è di circa 9 cm:


E voi, che ne pensate di questa signorina in rosa? E, soprattutto, lo avete messo su il tè per le fate (rinchiudendo i topini)?
A prestissimo!