Benvenuti in Bottega, il piccolo laboratorio che ho aperto per condividere le mie passioni: la pittura e la pasta di mais. Dai miei pasticci nascono le creaturine della Bottega: fate svolazzanti (attenzione, abbassate la testa), sirene, creature magiche e piccoli animaletti. Qui c'è sempre una gran confusione, quindi non spaventatevi se vedete passare un topino o una chiocciola... siamo tutti un po' matti! Però tutti con una fiaba da raccontare :)
Buona passeggiata!

giovedì 14 aprile 2016

Una casa... errante

Le porte fatate spuntano nei luoghi più curiosi, perfino sui gusci di chiocciola. Si vede apparire prima un uscio, poi il pomello e ci si ritrova con una porticina in piena regola.
E quando spuntano sui gusci di chiocciola... bè, ecco spiegato il motivo per cui le fairy door si spostano in continuazione :D


Continua la mia personale mania per le porticine fatate, me le immagino su qualsiasi supporto!
La chiocciola e le varie parti della casetta sono in pasta di mais, solo il guscio è vero. Ovviamente l'ho preso perché disabitato, quelli con l'inquilino dentro li rimetto dove li ho trovati :D


L'idea di mettere la porta proprio qui è venuta perché il guscio era rotto, ma non rotto in un modo qualsiasi: si era spezzato proprio lungo le linee della spirale, lasciando un buco quasi perfettamente tondo. Al che, sistemare i bordi e aggiungere l'uscio è stato un attimo.


Eccola sulla mano, è più grande del mio solito... stavolta non mi sono dovuta prendere gli occhi in mano XD


Che dite, vi piace la casetta fatata di questa chiocciola? Lei sembra essere piuttosto contenta.
A prestissimo!

martedì 29 marzo 2016

Blue Moon - Fata delle rose

Con l'arrivo della bella stagione cominciano a far capolino tantissime varietà di fiori, rose comprese con un po' di pazienza. E se spuntano le rose si può star sicuri che siano in arrivo anche le fate :)


Lo so, la domanda sorge spontanea: che c'entra "blue moon" con una fata delle rose? E' il nome di una varietà di rose, lilla per l'appunto, di cui sono innamorata persa... finirete nel giardino, sappiatelo!
La fata è interamente in pasta di mais e sono in pasta anche rose e foglie. Il panneggio è, invece, in sukerukun mentre i capelli sono in tibetan lamb.


Per quanto riguarda i fiorellini azzurri... dubito che esistano, ho rappresentato una specie inesistente e inventata sul momento!


Un particolare delle rose e del lato B della fata... per una volta che mi viene fuori qualcosa di buono, meglio immortalarle XD
Le ali sono nuovamente una creazione de La Bohemien e devo citare anche un'altra persona: Laura la Fauci, dalla cui creatura (Light Flight) ho preso spudoratamente spunto per l'acconciatura.


Le dimensioni... la fatina è alta 9 cm e si arriva a 12 cm con la base:


Che dite? La fata lilla è promossa o bocciata? Lo ammetto: a me piace, anche se ho impiegato un secolo a finirla.
A prestissimo!

venerdì 25 marzo 2016

Un esercito di topini

Anche se sembravo scomparsa, eccomi di ritorno... mi sono solo presa una bella - si fa per dire - influenza che mi ha messo k.o. per un po'. O il virus di quest'anno è particolarmente rognoso oppure è l'età che avanza.
Per riportare un po' di allegria in Bottega meglio darsi ai topini! Mi sono accorta di non aver postato parecchie bestioline che sono venute con me a Miniaturitalia per poi andare ad abitare un po' qui e un po' là, a saccheggiare altre dispense. E allora ve li presento a gruppi tematici... come al solito tutti i topini e le ambientazioni sono in pasta di mais, con aggiunta di stoffe e stoviglie di ceramica o plastica.

I primi sono tre topini alle prese con il cibo giapponese:


Mi diverto sempre moltissimo con il tema giapponese, tanto che ho ancora una bella scorta di piattini per altrettanti topi del Giappone. Quello con il rotolino infilzato con la bacchetta mi somiglia molto... sono davvero una frana terribile con le bacchette!

Altri topini "casalinghi" questa volta:


Credo si noti la mia personale scoperta della balsa: tagliata a quadratini della giusta misura è meravigliosa per fare basi e taglieri a misura di topo.

E ora topini golosi come solo quelli della Bottega possono essere!


E i topini di bosco con pigne e cappucci di ghianda:


Ne manca ancora qualcuno, ma è buona parte del piccolo esercito che era partito con me alla volta di Milano... io ammetto di avere un debole per i topini nei cestini, fra le stoffe. E voi? Qual è il vostro preferito?

Noi ci rivediamo prestissimo, tanto ora sono guarita :D Nel frattempo tutta la Bottega - bipedi, quadrupedi, alati, pelosi e non - vi augura una serana Paaqua. E speriamo che ci sia il sole!

lunedì 7 marzo 2016

Italia 4x4 - Enchanted Forest

Mica avrete pensato che L'Italia 4x4 fosse un'esperienza finita, vero? Tutt'altro: ora riprende come si deve, con cadenza mensile.
Per l'appuntamento di marzo con l'handmade italiano ho optato per una passeggiata nei boschi, fra i toni del verde e del marrone e anche tra la morbidezza di pellicce e piumaggi.
Però, badate, non boschi qualsiasi: foreste incantate come solo quelle de "Il Signore degli Anelli" possono essere.
Mi seguite attraverso la Terra di Mezzo? :)

"Ma la Foresta è strana: tutto in lei è molto più vivo, più conscio di ciò che succede intorno [...] E gli alberi non amano gli estranei: ti osservano e ti scrutano"
- La Vecchia Foresta - 


- Collana in pasta polimerica di Le gioie di Lulù
- Green nandina porcelain pendant, ciondolo in pasta polimerica di Eala's Jewels
- Casetta fatta in pasta di mais e conchiglie di Manuela Rossetti
- Vasetti in lana infeltrita ad ago di Infeltriscimi, feltro e tintura naturale

Tutti toni del verde; dal viso fatato di Loredana (mia concittadina, fra l'altro) specializzata in volti gioiello alle piantine grasse nei loro falsi sassi di morbida lana.
I bijoux di Eala sono ispirati alla natura, sia per i colori che per le texture, mentre le casette di Manuela... mi aspetto che una creaturina fatata apra la porta da un momento all'altro!

"Nella notte gli alberi si ergevano imponenti [...] I tronchi erano grigi al pallido lume delle stelle e le foglie fremevano con un tocco di giallo maggese"
- Lothlorien - 


- Borsa modello Amy di Purse - Moi
- Coniglietto in lana infeltrita ad ago di La Volpe Cimina
- ACEO "Un barbagianni di guardia" di Studio d'arte Nadia Comegna
- Illustrazione uovo di velociraptor di Giulio's Dreamworlds

Stavolta passiamo al bruno con una borsa - borsellino dai toni caldi che, secondo me, fa tanto autunno e con il morbidissimo coniglietto di Francesca, che, guardandolo bene, sembra abbia il naso che freme.
Nadia dipinge scene grandi quanto una mano, "zoommando" sui particolari attraverso il colore, mentre Giulio tratteggia scenari fantastici con un tocco molto personale. Anche quando, come in questo caso, reinterpreta la creazione di un'altra bravissima creativa: Ilaria Bucchi :)

"[...] i larici avevano le dita verdi, piccoli fiorellini sbocciavano già nell'erbetta, gli uccelli cantavano. L'Ithilien, il giardino di Gondor ormai abbandonato, conservava ancora la scomposta bellezza di una driade"
- Ithilien -


- Coniglietto in scala 1:12 di Frybla
- Pettirosso di Julie BonArt
- Ciondolo in pasta polimerica imitazione pietra dura di Yargo's Creations
- Bambola in pasta di mais "The beauty of  autumn" di Dolci bambole

Ancora rossi e bruni... il coniglietto non è solo incredibilmente realistico, ma muove anche alla testa! Mi sono innamorata a prima vista...
Le illustrazioni di Giulia hanno tutte una dolcezza particolare, credo che il pettirosso renda l'idea di quello che voglio dire, così come trasmettono dolcezza un po' retrò le bambole di Annalisa.
Alessio è stata una scoperta molto recente, per me. Sono rimasta molto colpita dall'abilità che ha nel lavorare le paste sintetiche... quel ciondolo è pure lucidato solo con la carta vetrata, niente lucidi!

"Le foglie rossicce erano adesso tese e parevano strofinarsi fra loro come fredde mani screpolate avide di tepore. [...] l'oscura e ignota foresta, così vicina, si fece improvvisamente sentire come una presenza grande e avviluppante, piena di misteriosi intenti"
- La Foresta di Fangorn -


- Coniglietto dipinto su stoffa di Mosmea laboratorio artigianale
- Ciondolo in pasta sintetica Swirl Tree with Labradorite di Atharesya
- Illustrazione uccellini di Paola Cocchetto Illustrator
- Peluche spiritello delle foreste di Muppinz

Sì, a questo giro, ho un problema con i conigli ma come si può non innamorarsi di questo, minuscolo e morbidoso? O degli uccellini multicolori di Paola, che verrebbe voglia accarezzare?
Il ciondolo di Genny, come tutti i suoi bijoux, crea davvero l'atmosfera della foresta incantata e lo spiritello... bè, non c'è foresta incantata degna di questo nome senza i suoi spiritelli. Se sono spiritelli muppinzosi anche meglio.

Piaciuto questo mini tour nella Terra di Mezzo? Il vostro preferito?
Ora devo iniziare a pensare al tema di aprile... si sentono le meningi che si spremono?
A prestissimo!

venerdì 26 febbraio 2016

Waterlily Mermaid - Una sirena d'acqua dolce

Chi ha detto che le sirene nuotano solo nei mari? Qui ne ho una di acqua dolce, comodamente seduta accanto a uno stagno in cui fioriscono le ninfee...


La piccola sirena è in pasta di mais e sukerukun come al solito e, diciamolo, non ha nulla di particolare per quanto riguarda la lavorazione e i materiali usati. E' stata più una prova tecnica personale, per mettere a fuoco alcuni particolari e fare qualche test... ogni tanto un po' di "compiti a casa" non fanno male, tutt'altro!
Non doveva avere nemmeno le lentiggini, nel progetto originale, ma lei ha deciso diversamente :)


Per la base ho usato pasta di mais e sassi veri, mentre sono in pasta le piante e le ninfee. Avevo davvero una gran voglia di provare a fare delle mini ninfee.


Uno scatto dello stagno e delle piccola cascata... per fare l'effetto acqua ho usato il silicone liquido, esteticamente più bello e trasparente della colla a caldo e meno "terrorizzzante" (per me) della resina. Ma si può avere il terrore di provare la resina? -__-


Le dimensioni: l'altezza complessiva è di circa 8,5 cm, 6 cm solo la sirena.


Ora vado a chiedere alla sirena se dà una pettinata anche ai miei capelli... i suoi riccioli mantengono la piega anche con l'umidità, al contrario dei miei!
A prestissimo, con l'Italia 4x4 :)

martedì 9 febbraio 2016

Miniaturitalia 2016

Sì, non ero fuggita e nemmeno defunta... l'assenza dell'ultima settimana era dovuta all'edizione 2016 di Miniaturitalia e ai (folli) preparativi che l'hanno preceduta.
Come di consueto, vi toccano le foto! Per chi avesse voglia di vederne altre basta andare su questo album di Facebook. 
Intanto il tavolo in condivisione con Claudia Raddi... con noi dietro al tavolo :D


La mia parte del tavolo che ha ospitato anche una delle bimbe di Loredana Salvo:


Claudia Raddi... il baldo giovine in foto lo riconoscete, sì? :P


Elisa Fenoglio... cosa aggiungere?


Una new entry di quest'anno: Elisabetta Visentini con il suo spettacolare albero:


Anna Maltauro...quanto sono simpatiche le zucche? :3


Francesca - Gnam Gnam... *_______*


Federica Furci, alla sua prima edizione:


Barbara De Girolamo... quanto mi piace la sua Maiko? :3


Santola Mastrandrea e le sue particolarissime bambole:


Tonia Lupo - Angenia che, all'ora di pranzo di sabato, aveva già fatto il tutto esaurito. Però sono riuscita lo stesso a mettere le mani su una delle sue bimbe... invidiatemi!


Ricordate il concorso, il Michelangelo Art Dolls Award? Ecco, non ho vinto nulla XD Eravamo quarantacinque partecipanti e il livello dei finalisti era decisamente alto... nella prima foto ci sono alcuni dei dieci finalisti che anch'io avrei messo sul podio :)



Ecco, ora che Minaituritalia è finita direi che si può ricominciare con la solito normalità (chiamiamola così) della Bottega... a prestissimo!

mercoledì 20 gennaio 2016

Madame Butterfly - Burning my wings

Una piccola interpretazione personale della storia di Chōchō-san, con le sue ali di farfalla, troppo incantata dalla luce della lanterna per accorgersi che la fiamma le sta bruciando le ali...   


Dopo una geisha baffuta, una senza baffi e un po' più triste. Una Madame Butterfly piccina piccina in pasta di mais e sukerukun. I capelli sono in pasta e tibetan lamb, mentre la lanterna è vera anche se con la fiammella in pasta.
Le ali di Chōchō-san e la farfalla sul fiore di ciliegio, invece, non le ho fatte io, ma La Bohemien :)


Questa signorina verrà con me a Miniaturitalia, nel frattempo parteciperà alla prima edizione del Michelangelo Award (sempre organizzato in occasione della fiera) che riguarda le ooak doll. Il tema è "Maschere e teatro" e mai il detto "l'importante è partecipare" fu più azzeccato!
Speriamo solo di non fare una brutta figura!


Il retro del kimono... sapete quanto tempo ho impiegato a dipingere tutti quei fiorellini? A dire la verità non lo so nemmeno io o__o


Le dimensioni... l'altezza è di circa 10,5 cm:


Ce li fate gli auguri? Così io e la piccoletta non ci perdiamo troppo d'animo, visto le persone che partecipano?
A prestissimo!

martedì 12 gennaio 2016

Un rocchetto giapponese

C'è un proverbio che recita: "donna baffuta, sempre piaciuta". Qui ho una geisha baffuta, vale lo stesso? 


Nuovo, piccolo lavoro per Miniaturitalia: una scena in tema giapponese su un rocchetto. Completo di topino - geisha ovviamente.
Il rocchetto, come nei casi precedenti, è vero mentre tutto il resto è in pasta di mais, compreso il bonsai con il vaso. Il tavolo e la pedana su cui poggia li ho fatti io con del legno di balsa.


Dalle foto laterali si dovrebbe notare che la topina ha anche l'acconciatura. Perché se non mi complico un po' la vita con metodi non ancora provati, non son mica felice...


Le dimensioni... il rocchetto è alto 3 cm, la topina circa 1,5:


A questo punto la domanda è... a voi la geisha baffuta è piaciuta? :D
A prestissimo!