Benvenuti in Bottega, il piccolo laboratorio che ho aperto per condividere le mie passioni: la pittura e la pasta di mais. Dai miei pasticci nascono le creaturine della Bottega: fate svolazzanti (attenzione, abbassate la testa), sirene, creature magiche e piccoli animaletti. Qui c'è sempre una gran confusione, quindi non spaventatevi se vedete passare un topino o una chiocciola... siamo tutti un po' matti! Però tutti con una fiaba da raccontare :)
Buona passeggiata!

mercoledì 22 aprile 2015

Italia 4x4 - Life began in a garden

"La vita è iniziata in un giardino"... non so chi sia l'autore della frase trovata girellando su Pinterest, ma mi è sembrata perfetta per un post in tema primaverile. Perché, pensandoci bene, la vita re-inizia tutti gli anni in un giardino. 
Quindi, per il post sull'handmade italiano, ho scelto sedici creazioni (e altrettanti creativi) che sanno di fiori, farfalle, creature che si risvegliano e temperature che salgono... oggi è pure la giornata della Terra, più in tema di così! :D

"Un uomo può uccidere un fiore, due fiori, tre… ma non può fermare la primavera"
[Mahatma Gandhi]


- Ciondolo dama dei fiori in pasta polimerica di K.E.'idea
- Ciondolo in vetro e petali di fiore di Lamerti
- Ciondolo Maria Antonietta in pasta polimerica di Le Creazioni di Franzin
- Borsa di Purse - Moi

Un quartetto tutto in rosa... dalla delicatissima damina di Lita, che usa toni leggeri che contribuiscono a "formare" il suo stile, fino alle borse di Purse - Moi. Che, per informazione, ha anche una linea di collane con pendente a borsellino che sono una delizia.
Francesca/Franzin è in fase di evoluzione: pur mantenendo il proprio stile è riuscita ad aggiornarlo e migliorarlo, cosa non sempre facile anche solo da decidere e non solo da mettere in pratica.
Lamerti è Martina Angius, italiana in prestito alla Francia che sta cercando aprire un atelier a Parigi dove mostrare i suoi bijoux che uniscono fiori e vetro, tramite le tecniche della vetrata.

"Ci sono delle piogge primaverili deliziose in cui il cielo sembra piangere di gioia"
[Paul-Jean Toulet]



- Illustrazione tratta da "Amelia che sapeva volare" di Daniela Volpari Illustartion
- Bambola in pasta polimerica della linea Precious Gothic Dolls di Nuvole di Panna
- Bambola in porcellana fredda di Elisabetta Mazzella
- Collana con perle con tecnica del quilling di Ombretta Banfi - Vasariah creations

E stavolta viriamo sull'azzurro... l'azzurro delicato sul vestito della bimba di Elisabetta, che fa delle bambole meravigliose con una pasta che conosco molto bene. Questa è, la momento, la mia preferita! La piccola nuvoletta, invece, è di Luce di Maggio, che è riuscita a dare un'impronta personalissima e pulita (e la pulizia del lavoro nelle polimeriche fa la differenza) ai suoi personaggi. Dolci come la panna appunto :)
Il quilling è una tecnica forse meno conosciuta ma che può dare incredibili risultati... io sono ancora imbambolata davanti alla perle che riesce a "costruire" Ombretta con la carta!
Daniela Volpari credo possa essere definita artista senza nemmeno pensarci. L'illustrazione che ho preso in prestito fa parte dell'omonimo libro "Amelia che sapeva volare", scritto da Mara del Corso e da lei illustrato (edizioni Giralangolo)... è uscito il 26 marzo in libreria!

"La primavera non è primavera se non arriva troppo presto"
[Gilbert Keith Chesterton]



- Mini casette uccellini con spirale portafoto, in creta, di Cretaluna
- Anelli con piante in pasta polimerica di Indaco Art Studio
- Targhette con farfalle in porcellana fredda di Le Cose di Beli
- Spiritello in pasta polimerica di Fairymary Jewels

Allora, io vuole la casetta con l'uccellino. Ecco. E anche tutto quello che c'è sulla pagina di Cretaluna (anche il nome è bello!). Beli, Belinda, è una delle irriducibili della pasta di mais: bellissimi i suoi fiori anche, per non parlare della bambole!
Maria Rosaria, oltre ad ospitare meravigliosi folletti, crea bijoux che sanno un po' di fiaba e di magia... da vedere, senza ombra di dubbio.
Quei tre anelli sono perfettamente in tema con il post: piccoli giardini da indossare. Martina, la loro mamma, è un'ottima miniaturista e doll maker anche... sa fare le bjd in porcellana *_*

"E venne un momento in cui il rischio di rimanere chiusi in un bocciolo era più doloroso del rischio di sbocciare"
[Anaïs Nin]


- "Qualcosa di dolce", illustrazione di Blackbanshee
- Minion Emilio in stoffa di MyCuddle
- Ciondolo in pasta polimerica imitazione legno di Eala's Jewels
- Ciondolo in argento e agata di Silver Passion Lab

Quattro persone che ho trovato da pochissimo e che già adoro... Blackbanshee potrei anche non commentarla perchè... perchè wow! L'atmosfera è quella delle leggende, con un modo di interpretarle splendido a mio parere. Stessa storia per Emilio e tutti i suoi morbidi, ecologici amici... MyCuddle ha, dietro, Marta. Che viene dalla Polonia ma sta a Milano, quindi è comunque dei nostri :P
I ciondoli che ho scelto per questo quartetto hanno, alle spalle, due pagine fb con meno iscritti di quanti ne meriterebbero. Lavorare l'argento in quel modo è parecchio degno di nota, così come lo è usare le paste come fa Eleonora... hanno entrambe tanto da raccontare attraverso le mani :)

E ora un intruso dalle lunghe orecchie, il coniglietto del RabbiTea Shop! Che si occupa di tè artigianale, una sorta di handmade mangereccio ma pur sempre handmade nella filosofia. Al momento hanno tre miscele disponibili sul negozio Etsy. Io ho provato il BlackRabbit con scaglie di cioccolato bianco, una goduria... quindi, seguite il coniglio! :D

mercoledì 15 aprile 2015

Topini e bonsai... e qualche anticipazione

"Ma sei sicuro che resti piccolo così? E se provassimo a dargli un po' più da bere? Guarda... ho anche l'annaffiatoio!"

Perché per un topino un albero non può essere piccolo. Se è piccolo è solo perché qualche bipede smemorato non gli ha dato abbastanza da mangiare. 


Ultimamente sto provando diversi soggetti nuovi e il mini bonsai fa parte del gruppo... e poi dovevo usare a ogni costo il meraviglioso mini annaffiatoio a misura di topo preso a Miniaturitalia (e ne ho pure un altro, ecco)!
Topino e bonsai sono in pasta di mais, mentre il vaso è in ceramica.
A dire la verità il vaso altro non è che una scodella 1:12, ma la forma era troppo "giusta" per non farne un uso alternativo!


Il ciliegio bonsai è circa 2,5 cm, anche se non vi assicuro che rimarrà così... a forza di dargli da bere, il topino lo farà diventare altissimo! :D


E loro? Loro sono progetti e commissioni alle quali sto lavorando... in Bottega svolazzano allocchi, saltellano conigli nasoni e minuscole chiocciole da corsa attendono la propria fatina.
Nel frattempo ho pure trovato un paio di paste nuove da provare...


Insomma, ne vedrete delle belle. Spero.
Intanto la prossima settimana non perdetevi il 4x4 di aprile, tutto primaverile... a prestissimo!

mercoledì 8 aprile 2015

Bulldog in miniatura

Quando sono partita per Miniaturitalia, oltre che un esercito di topini (erano quarantasei quest'anno), si sono infilati in valigia anche questi due tipi qui: bulldog. Uno inglese e uno francese, per essere internazionali.
Il bulldog inglese, con quel suo muso un po' imbronciato che a me fa troppa simpatia... la mia è una femminuccia: 


I cagnolini sono divertentissimi da modellare! Entrambi i cani sono in pasta di mais. Anzi, in realtà non è esatto perché l'impasto è fatto con amido di riso.
Da tempo volevo provare la pasta con questo amido... ne è risultato un impasto bianco e ben modellabile, che fa risaltare i colori messi nella pasta fresca. Mi piace per questo tipo di lavoro, anche se per fate e sirene il colore "spara" un po' troppo per i miei gusti (sono noiosissima con i colori purtroppo). In ogni caso... impasto promosso!
Secondo cagnolino... un bouledogue francese, più piccolo e snello ma con un musino che... :3


I cani a pelo corto si prestano piuttosto bene ad essere miniaturizzati e questi, con tutte le loro pieghe e pieghette, anche di più.
Le copertine sono di stoffa incollata a una sfoglia di pasta, quindi sono base rigide su cui i cagnolini stanno solo appoggiati e dalle quali si possono togliere visto che stanno in piedi da soli.
L'altezza è di 3 cm circa:


Che dite, ho superato la "prova cani"? :D Ultimamente mi sono accorta di avere una gran voglia di provare anche altri animali come soggetti... magari una volpe... riusciranno i nostri eroi o falliranno miseramente nel tentativo?
A prestissimo!

mercoledì 1 aprile 2015

Cinderella

"Ma non l'avevi già fatta?" vi chiederete voi (giustamente). 
Sì, ma prima che uscisse il film al cinema... e che vedessi per bene quel vestito. E quindi eccola qua, Cinderella con il vestito del ballo... comprese tutte le sue pieghe, contropieghe, sottogonne e farfalline:


Cenerentola è interamente in pasta di mais, compreso vestito e base. Per la gonna ho usato anche dei "teli" di sukerukun per rendere meglio alcune parti del vestito.
Credo sia il più complicato che abbia mai fatto... ho dovuto modellare a parte ogni singola piega e poi connetterle tutte insieme direttamente sulla signorina. Credevo di perdermi fra le pieghe!
Altro che "sei metri di velo, colore del cielo", la Fata Madrina si è fatta prendere la mano!


Sulle parti in sukerukun ho spolverato dell'ombretto, in modo da dare la perlescenza... non vi dico come erano ridotte le mie mani alla fine. Vedo brillare qualcosa sulle dita anche ora mentre scrivo o__o


Un po' di particolari e le dimensioni... Cenerentola è alta circa 11 cm.
Sullo scollo, anche se non si notano troppo, ci sono anche tutte le farfalline del vestito originale, in tre colori (sì, sono fuori di testa... ma tanto mi conoscete, no?). Una farfallina dorata sta anche sulla scarpetta di cristallo.


Che dite, ha un qualcosa della Cinderella del film? Anche se è più "a modo mio" che somigliante?
A prestissimo!

mercoledì 25 marzo 2015

Jewel - baby sirena

Che cosa starà ascoltando dentro la conchiglia, per farla sorridere così? A me non l'ha detto... volete provare voi a chiederglielo? :)


Una sirena piccola piccola e tutta luccicante... un minuscolo gioiello, da cui il nome. Cosa strana, raramente dò un nome proprio a una creaturina ma con lei mi è venuto spontaneo.
La sirena è in pasta di mais e sukerukun, mentre la base è costituita da una conchiglia, sassolini bianchi e cristalli in resina.


E' una sirena davvero semplice, ma volevo provare a rendere tangibile un'idea che avevo in testa... e vedere se usciva fuori qualcosa di buono!
Volevo provare a mettere i brillantini sulla coda. Niente si complicato, se non con me stessa. Perché ho grossi problemi con tutto ciò che è coperto di brillantini e pailettes, li respingo XD
Invece sulla sirena mi piacciono, forse anche perché sono molto piccoli.


La foto per le dimensioni... la signorina è alta circa 4 cm:


E voi, cosa ne pensate di questi brillantini sulla coda? Se anche a voi non dispiacciono credo che, piano piano, arriveranno altri "gioiellini"... ho una scatola di brillantini in vari colori! :D
A prestissimo!

mercoledì 18 marzo 2015

Micro topini su rocchetto

"Ho trovato!
Ho trovato, ho trovato / Il vestito è un po' antiquato,
Ma se noi ci diam da fare, / Si può rimodernare."

I topini della Bottega si son messi in testa di essere imparentati con quelli di Cenerentola, tanto da darsi al cucito... ma questi tre, essendo piccini quanto un chicco di riso, quanto tempo impiegheranno a cucire un vestito secondo voi?


Chi sbircia la pagina Fb avrà già visto il primo (che ha già trovato una mamma a Miniaturitalia), questo è già il secondo rocchetto toposo che faccio... una commissione piccola piccola.
I topini sono in pasta di mais come al solito e sono realmente grandi quanto un chicco di riso: 5 mm circa. Per il resto dell'ambientazione ho usato stoffa, pizzi, aghi e bottoni in miniatura e un charm/macchina da cucire opportunamente modificato e ridipinto.
L'idea del rocchetto come base per la scena di cucito, tuttavia, non è mia. L'ispirazione l'ho presa dalla superba miniatura di Ann Maselli che potete trovare QUI.


Ho fatto da sola anche il tavolo: un pezzetto di legno di balsa e quattro pezzetti di spiedino per le gambe.
Gli occhietti dei topini sono microsfere nere... le dita si sono rivelate troppo ingombranti per fare degli occhi così piccoli!


Eccole qua, le mie dita ingombranti accanto ai topini:


Inutile... anche se mi ero ripromessa di aspettare un po' prima di rifare topoli così piccini, ci sono già ricascata. Adoro lavorare in piccolo, anche se una lente me la sono comprata onde evitare di prendermi gli occhi in mano!
I topini chiedono se cantate la canzoncina insieme a loro... li accontentate? :)
A prestissimo!

martedì 10 marzo 2015

Italia 4x4 - Signore in giallo

Spesso si dice che bisognerebbe ricordarsi della Festa della donna tutto l'anno, non solo l'8 marzo. E, infatti, in Bottega festeggiamo volutamente in ritardo e a modo nostro :)
Una festa della donna a tutto handmade, con sedici creative per l'Italia 4x4 di marzo in tutte le sfumature del giallo. Per questo mese ho scelto solo donne, appunto... tanto sono sicura i creativi non me ne vorranno se questa volta sono politicamente scorretta.
Quindi largo a ciò che di bello (e giallo) le donne sono in grado di fare! Ammetto di essermi presa una licenza poetica: il giallo è un colore non dei più facili da usare, quindi le creazioni oscilleranno dal beige, al giallo, fino al rosso... me lo perdonate, sì? 

"L'uomo e la donna sono due scrigni chiusi a chiave, dei quali uno contiene la chiave dell'altro"
- Karen Blixen -


- Ghirlanda di carta in scala 1:12 di MairiTales
- Ammonite Pixie in epoxy clay di Enchanted Token
- Spilla coniglio in ottone dipinto a mano di Madrab
- Orecchini Flowers in ottone similoro e argento riciclato di Fascination Street

Un quartetto fra il beige e l'oro, solo un giallo un po' più soft insomma. Toni delicatissimi per la ghirlanda di Mairi che, sì, è piccola piccola anche se non si direbbe mai vista la cura del dettaglio. E vi assicuro che, dal vero, lascia ancora più incantati!
Così come incanta il magico pixie (ma non è che gli altri bijoux scherzino) di Genny o il coniglietto di Madrab, che sembra pronto a spiccare un balzo.
Gli orecchini di Barbara danno, invece, una sferzata d'oro... a me piacciono tanto le sue forme semplici e pulite. Magari mi ripeterò, ma la semplicità, a mio avviso, è una delle cose più difficili da ottenere.

"Le donne non dovrebbero avere potere sugli uomini, bensì su se stesse"
- Mary Shelley -


- Spilla "Altea" in pasta polimerica di Gnam gnam (Françoise fimofun)
- Cupcake di sapone, arancia, cannella e cacao di Mimi Soap 
- Apple Pie preparation board in scala 1:12 di Manuela P. Michieli Miniatures
- Collana tubolare di perline a uncinetto di Luthopika

Qui siamo più sul giallo giallo :D Dai pulcini della bimba di Francesca, il cui stile si è evoluto fino ad ottenere caratteristiche originalissime, fino alla collana di Luthopika. Uncinetto e perline, secondo me il risultato è di grande eleganza (avrei un vestito che proprio la chiama una collana così! *_*).
I saponi di Mimi sono 100% vegan e cruelty free... oltre che golosi da far venire l'acquolina!
Manuela Michieli è una miniaturista straordinaria, merita solo applausi... le sue mini incantano, vi assicuro.

"Colui che accetta la donna come Dio l'ha fatta, le rende giustizia"
- Kahlil Gibran -


- Cornice in pasta di masi di Qualcosa di speciale Follettosem
- Orecchini acquiloni collezzione "Assioma" in legno di Lettera pSy
- Tavolo Festa della donna in scala 1:12 di Stranamenteio
- Ciondolo doll in pasta polimerica di Four Jois

Ancora giallo! Samanta è una delle irriducibili della pasta di mais, è molto molto brava e ha uno stile che si riconosce da lontano. Così come si riconosce l'impronta di Lettera pSy nei suoi bijoux pirografati... un'altra sulla mia già infinita lista dei desideri!
Le bimbe di Gabriella sono molto particolari, diverse dal solito nelle proporzioni... ditemi se non son belle *_* Per quanto riguarda le miniature di Tiziana... l'ho vista prendere in mano il primo pezzetto di pasta, già da lì si intuiva che talento ne aveva e tanto. Ora si nota, vero?

"Date alle donne occasioni adeguate ed esse possono fare tutto"
- Oscar Wilde -


- Arancio in scala 1:6 di The Ancient polymer clay factory
- Orecchini mandala in macramè di Knotted World
- Farfallina in pigiama, tecnica dell'infeltrimento ad ago di Lizzzie by Lisa Costa - Cutie dolls and more
- Collana polipetto amigurumi di The brave fimo

Siamo all'arancio e al rosso... le miniature di Arpa e Gretel sono curatissime e realistiche... le ho viste a Miniaturitalia e mi sono pure rimasti attaccati alle mani alcuni dei suoi microscopici orsetti gommosi. Uno spettacolo. E "spettacolo" lo penso ogni volta che vedo quei bijoux in macramè... gli orecchini, soprattutto gli orecchini!
Viola e i suoi amigurumi sono una scoperta recente, ma mi ci è voluto forse due secondi a innamorarmi di quei minuscoli animaletti. Perchè riesce a racchiudere un'orca in 1 cm, capite??
La farfallina... Lisa non ha solo tecnica (un'ottima tecnica, secondo me), ma anche la capacità di rendere vivi e pieni di personalità i suoi personaggi. Come le farfalle in pigiama, ancora un po' insonnolite perché la primavera si sente ma non è ancora arrivata.

Insomma, per festeggiare le donne meno mimose e più handmade! Almeno per quelle che lo amano... chi ha orecchie per intendere... :P
A prestissimo!

martedì 3 marzo 2015

Mini fatina... in cerca di un nome

Le fate sono quel genere di creatura che non segue uno standard (per fortuna). Né per l'aspetto, né per la dimensione: sono fate e basta, si riconoscono a colpo d'occhio.
Quindi possono anche essere piccole piccole, spiriti minuscoli pronti a spuntar fuori quando meno ce lo aspettiamo :) 


Se i Puffi erano alti "due mele o poco più", lei li ha battuti: sarà sì e no due nocciole! E' la fatina più piccola che abbia mai fatto, appena 2 cm di altezza.
Fatina e rosa sono in pasta di mais... avevo voglia di far  arrivare in Bottega una creatura completamente nuova ed è uscita fuori lei :)


Credo che fatine di questo tipo possano adattarsi anche ai bijoux: non le vedo male in una cupola di vetro come ciondoli.
Le ho fatto pure il lato B, eh u_u


Uno scatto vicino alla moneta da 1 centesimo...


... e ora un consiglio, se vi va di perdere cinque minuti con me. Pensavo di far diventare questo tipo di fatine un gruppo di creature ben definito con un nome tutto loro, perché mi piacerebbe farne ancora... ho parecchie idee che mi frullano in testa, ma il vuoto cosmico per quel che riguarda il nome!
Qualche suggerimento? In cambio la fatina promette manciate di polvere fatata :D