Benvenuti in Bottega, il piccolo laboratorio che ho aperto per condividere le mie passioni: la pittura e la pasta di mais. Dai miei pasticci nascono le creaturine della Bottega: fate svolazzanti (attenzione, abbassate la testa), sirene, creature magiche e piccoli animaletti. Qui c'è sempre una gran confusione, quindi non spaventatevi se vedete passare un topino o una chiocciola... siamo tutti un po' matti! Però tutti con una fiaba da raccontare :)
Buona passeggiata!

lunedì 13 giugno 2016

Like butterflies

“L’arte rende visibile ciò che non sempre lo è” – Paul Klee 
... e l'invisibile prende forma e vola via, come farfalle variopinte...


Riemergo da un periodo di silenzio per cause di forza maggiore. C'è stato di mezzo un matrimonio... non il mio, però! :D
Questa fanciulla è stata fatta in gran segreto per un concorso indetto da Hobby&Art, la mostro ora che le creazioni sono state svelate e preparate per la votazione.
La bambola è in pasta di mais e sukerukun, con capelli in tibetan lamb. L'altezza è di 15 cm (considerando le gambe tese), 19 se si considera anche la base.


Il tema portante del concorso è l'amore per l'arte e, dopo lunghe (lunghissime) elucubrazioni e capocciate al muro, la mia interpretazione si è manifestata così. Con un grazie alla frase di Klee che mi ha fatto accendere la lampadina!


Il lato B, la mio personale cruccio ogni volta che inizio una nuova creatura... stavolta sono contenta di come è venuto. Quasi quasi do una lisciatina con la carta vetrata pure al mio, vedi mai!


Partcicolari: sono riuscita a metterle i dentini, grazie alle dimensioni un po' meno ridotte del solito.


Chi volesse vedere le altre creature in concorso, può andare QUI e fare la registrazione (velocissima, pochi secondi). Dopo saranno visibili le due categorie: BIG ARTIST (io sono lì... non ridete, vi prego) e BUDDING ARTIST.
Se volete, potrete anche votare: dopo esservi registrati cliccate QUI e vi apparirà la scheda. Bisogna dare un voto che va da 3 a 10 a ogni creazione, senza "barare" nel penalizzare i concorrenti a discapito di uno solo, pena l'invalidamento della scheda. Metodo piuttosto giusto, a mio avviso.
Insomma... io ve l'ho detto. Se voterete la fanciulla mi farete felice, a prescindere dal voto :)
A prestissimo!

sabato 21 maggio 2016

And the winner is...

 Eccoci al dunque: ho unificato i partecipanti fra blog e Facebook, ordinandoli per data e orario in cui hanno lasciato il commento. Mi sono impegnata stavolta, eh :D
Alla fine eravate 103... grazie per la partecipazione, per i bellissimi auguri lasciati e per i commenti che mi hanno fatto sorridere, grazie davvero :)

Veniamo alle cose serie. Rullo di tamburi... de uinner is... il numero 43!

Sara Abigail Foga



Credo abbia scelto la casa - chiocciola, vado a sentire :)
Da settimana prossima si riprende con la normale (vabbè) vita della Bottega... a prestissimo!

sabato 14 maggio 2016

Swap di compleanno - 8 anni di blog

Il 13 maggio 2008 nasceva la Bottega. Sì, oggi è il 14 ma facciamo finta che sia riuscita a scrivere il post in perfetto orario.
Dopo ben otto anni sono ancora qui con topini, fate, sirene, chiocciole e tutte le altre mie strambe creature a rompervi le scatole e, spero, anche a strapparvi un sorriso :)
Quindi grazie, ma grazie davvero perché se il blog non fosse stato visitato, se nessuno fosse passato di qui a lasciare una chiacchiera allegra, la Bottega delle Fate avrebbe chiuso i battenti ben prima.

Fine della parte semi seria, ora sciocchezze come al solito! Tante fette di torta per tutti (quelle che i topini non hanno raggiunto), un bicchiere di spumante (ma anche due) e, come tutti gli anni, la possibilità di un regalo:


Si tratta di nuovo di un piccolo scambio simbolico: voi avrete la possibilità di ospitare una creatura della Bottega in cambio di un... qualcosa, qualcosa che pensate possa piacermi e che possa essere spedito con una semplice prioritaria, Niente di costoso sennò ve le dò! :D
Dato che avevo le idee tutt'altro che chiare potrete scegliere voi tra un topino, una piccola lu dì (la micro fatina) o una casa - chiocciola (un pochino più piccola di quella in foto, altrimenti rischiate di vederla arrivare il giorno del mai del mese di poi, ahimè) e potrete decidere voi anche come sarà, dato che la rifarò appositamente per il vincitore.

Quindi, per partecipare:
* Lasciate un solo commento a questo post con su scritto quale creaturina vi piacerebbe ricevere ed, eventualmente, come vi piacerebbe che fosse (questo solo perché sono curiosa :D). Se non siete registrati a blogger non importa, basterà firmare il commento e darmi una mail di riferimento.
Quest'anno saranno conteggiati anche i commenti lasciati sul post di Facebook. Anarchia all'ennesima potenza.
* Le iscrizioni chiuderanno venerdì 20 maggio a mezzanotte. Sabato 21 maggio estrarrò un nominativo, che sarà il mio compagno di swap.

E ora... un altro giro di torta!

mercoledì 11 maggio 2016

Italia 4x4 - Think Pink!

Ovvero "storia di un rapporto controverso". Il mio, con il rosa. Non lo odio e non lo amo, ha i suoi lati negativi diciamo (tipo cercare un paio di scarpe sportive e trovarle tutte - tutte - rosa con i brillantini... argh!) e quelli positivi. Come vedere le cose attraverso un filtro di rosa e ottimismo.
E per l'appuntamento di maggio/aprileinritardo con l'handmade italiano ho pensato, appunto, di tingere tutto di ottimismo rosa.

"Non diventare mai un pessimista; un pessimista ha ragione più spesso di un ottimista, ma un ottimista si diverte di più – e nessuno dei due può fermare il corso degli eventi"
- Robert Anson Heinlein -


- Orecchini in legno di iroko di Wood&Cut
- Ibisco in porcellana fredda di Laura Tosato
- Borsa Nù Bo' in finta pelle di Isabo' - borse in stoffa
- Spille in legno papavero rosa di Insunsit

Tutte scoperte recenti, fatta eccezione per Laura Tosato sui cui quadri viventi (perché sono praticamente dipinti a olio in tre dimensioni, diciamolo) sbavo da tempo senza ritegno alcuno.
Gli orecchini sono in legno di recupero come tutte le creazioni di Jane e Giuditta, restauratrice di origine inglese l'una e visual design l'altra, che lavorano a quattro mani in una bottega di Firenze. Insusit ( parola che, in dialetto mantovano, significa "da nessuna parte") è, invece, un progetto di illustrazioni di varia natura di Giulia. Dei suoi papaveri è molto, davvero molto difficile non innamorarsi. Papaveri che ogni tanto migrano anche sulle splendide borse di Isabo', quando i disegni incontrano la stoffa. Anche se mi piacciono tantissimo anche Nù Bo' tutte colorate!

“Nessuno è nato sotto una cattiva stella; ci sono semmai uomini che guardano male il cielo.” 
- Dalai Lama -


- Orecchini Filigrana, tessitura di perline di Lenor Creazioni
- Royal Flowers, illustrazione di Natalia Pierandrei
- Foulard double face in cotone e felpa di Le Pezze
- Ciondolo Boho  ad uncinetto con fluorite di Loukippi

Anche qui, nomi nuovi (per me)! Come quello di Michela, che tesse perline con raffinata eleganza, e di Vania con il suo progetto tessile di morbidose sciarpe con due facce.
Natalia Pierandrei credo di averla già presentata, ma è un'illustratrice con i controfiocchi e ve la ripresento, così come i ciondoli di Loukippi. Sono tutti belli, li metterei nel 4x4 ogni volta.

"Mi è sempre piaciuto il domani, comunque vada una giornata c'è sempre un domani"
 - Charles M. Schulz -


- Coniglio amigurumi di Mostri di Filo
- Parure Pierrot in pasta polimerica di Marta Sweetmao
- Conserva di mela - collezione bio, ciondolo amigurumi di The Brave Crochet
- That's friday babe, illustrazione di Virgola

I morbidissimi e colorati mostri di filo li avevo già presentati, ma fate di nuovo un giro sulla pagina: non ci sono solo coniglietti. Così come non sono solo polipetti gli amigurumi di Viola, tanti soggetti in più ma sempre meravigliosamente minuscoli.
Se si segue un po' le vicende del mondo "polimerico", sicuramente si passa per la pagina di Marta con i suoi personaggi romantici e dal sapore retrò.
Per quanto riguarda Virgola, si tratta di un'altra - l'ennesima - mia recentissima scoperta... è incredibile cosa riesca a raccontare partendo da un piccolo particolare in tre dimensioni.

"Se l’opportunità non bussa, costruisci una porta"
- Milton Berle -


- "Despite everything, bloom again"; illustrazione digitale di The ART of Stefania Santarcangelo
- Ciondolo dipinto a mano Lady Lovely di Serena Solange Carluccio
- Earin, ooak doll di Ooak Fantasy World
- Borsellino Vintage - Retrò di Creo ergo sum

E' un po' che tento di inserire qualcosa di Sefania, stavolta ci sono riuscita! Anche se adoro pure alcuni coniglietti dei suoi che... andate a dare un'occhiata, ve ne renderete conto. Sempre in tema illustrazione e disegno c'è Serena con lo stile che la contraddistingue: visi di bimbe e grandi occhi per rappresentare vari temi.
Laura ha un gran talento per le paste, non solo polimeriche anche se, a mio parere, è con loro che dà il meglio di sè. Earin con la sua coda da cavalluccio marino lo dimostra.
Giorgia, infine, va citata intanto per il nome del brand! E poi perchè riesce  amettere il suo tocco personale in ogni filo e in ogni punto... adoro la sua Frida Kahlo amigurumi.

Vi sentite un po' più ottimisti dopo questa passeggiata nel rosa e nell'handmade? Io un po' sì :)
A prestissimo!

mercoledì 4 maggio 2016

Un topino giardiniere

"Ehi, ma sono armate! Non me lo avevi detto che sono armate!"
Le... ehm... gioie del giardinaggio e delle piante grasse (e delle spine che hanno).


Il topino non me le perdonerà mai le spine che hanno attaccato il suo didietro, temo!
Topino e ambientazione sono autoprodotti con pasta di mais, legno e alluminio (la paletta). Solo l'annaffiatoio è un charm acquistato.


Le succulente sono state uno dei soggetti più divertenti di sempre, forse anche a causa del mio sviscerato amore per quelle reali. Il resto dell'ambientazione è venuto di conseguenza.


Le dimensioni... e le mie dita macchiate di colore!


Che ne pensate, vi piacciono queste piantine "armate"?
Vado a togliere le spine al topino, se smette di saltellare... a prestissimo!

giovedì 14 aprile 2016

Una casa... errante

Le porte fatate spuntano nei luoghi più curiosi, perfino sui gusci di chiocciola. Si vede apparire prima un uscio, poi il pomello e ci si ritrova con una porticina in piena regola.
E quando spuntano sui gusci di chiocciola... bè, ecco spiegato il motivo per cui le fairy door si spostano in continuazione :D


Continua la mia personale mania per le porticine fatate, me le immagino su qualsiasi supporto!
La chiocciola e le varie parti della casetta sono in pasta di mais, solo il guscio è vero. Ovviamente l'ho preso perché disabitato, quelli con l'inquilino dentro li rimetto dove li ho trovati :D


L'idea di mettere la porta proprio qui è venuta perché il guscio era rotto, ma non rotto in un modo qualsiasi: si era spezzato proprio lungo le linee della spirale, lasciando un buco quasi perfettamente tondo. Al che, sistemare i bordi e aggiungere l'uscio è stato un attimo.


Eccola sulla mano, è più grande del mio solito... stavolta non mi sono dovuta prendere gli occhi in mano XD


Che dite, vi piace la casetta fatata di questa chiocciola? Lei sembra essere piuttosto contenta.
A prestissimo!

martedì 29 marzo 2016

Blue Moon - Fata delle rose

Con l'arrivo della bella stagione cominciano a far capolino tantissime varietà di fiori, rose comprese con un po' di pazienza. E se spuntano le rose si può star sicuri che siano in arrivo anche le fate :)


Lo so, la domanda sorge spontanea: che c'entra "blue moon" con una fata delle rose? E' il nome di una varietà di rose, lilla per l'appunto, di cui sono innamorata persa... finirete nel giardino, sappiatelo!
La fata è interamente in pasta di mais e sono in pasta anche rose e foglie. Il panneggio è, invece, in sukerukun mentre i capelli sono in tibetan lamb.


Per quanto riguarda i fiorellini azzurri... dubito che esistano, ho rappresentato una specie inesistente e inventata sul momento!


Un particolare delle rose e del lato B della fata... per una volta che mi viene fuori qualcosa di buono, meglio immortalarle XD
Le ali sono nuovamente una creazione de La Bohemien e devo citare anche un'altra persona: Laura la Fauci, dalla cui creatura (Light Flight) ho preso spudoratamente spunto per l'acconciatura.


Le dimensioni... la fatina è alta 9 cm e si arriva a 12 cm con la base:


Che dite? La fata lilla è promossa o bocciata? Lo ammetto: a me piace, anche se ho impiegato un secolo a finirla.
A prestissimo!

venerdì 25 marzo 2016

Un esercito di topini

Anche se sembravo scomparsa, eccomi di ritorno... mi sono solo presa una bella - si fa per dire - influenza che mi ha messo k.o. per un po'. O il virus di quest'anno è particolarmente rognoso oppure è l'età che avanza.
Per riportare un po' di allegria in Bottega meglio darsi ai topini! Mi sono accorta di non aver postato parecchie bestioline che sono venute con me a Miniaturitalia per poi andare ad abitare un po' qui e un po' là, a saccheggiare altre dispense. E allora ve li presento a gruppi tematici... come al solito tutti i topini e le ambientazioni sono in pasta di mais, con aggiunta di stoffe e stoviglie di ceramica o plastica.

I primi sono tre topini alle prese con il cibo giapponese:


Mi diverto sempre moltissimo con il tema giapponese, tanto che ho ancora una bella scorta di piattini per altrettanti topi del Giappone. Quello con il rotolino infilzato con la bacchetta mi somiglia molto... sono davvero una frana terribile con le bacchette!

Altri topini "casalinghi" questa volta:


Credo si noti la mia personale scoperta della balsa: tagliata a quadratini della giusta misura è meravigliosa per fare basi e taglieri a misura di topo.

E ora topini golosi come solo quelli della Bottega possono essere!


E i topini di bosco con pigne e cappucci di ghianda:


Ne manca ancora qualcuno, ma è buona parte del piccolo esercito che era partito con me alla volta di Milano... io ammetto di avere un debole per i topini nei cestini, fra le stoffe. E voi? Qual è il vostro preferito?

Noi ci rivediamo prestissimo, tanto ora sono guarita :D Nel frattempo tutta la Bottega - bipedi, quadrupedi, alati, pelosi e non - vi augura una serana Paaqua. E speriamo che ci sia il sole!