Benvenuti in Bottega, il piccolo laboratorio che ho aperto per condividere le mie passioni: la pittura e la pasta di mais. Dai miei pasticci nascono le creaturine della Bottega: fate svolazzanti (attenzione, abbassate la testa), sirene, creature magiche e piccoli animaletti. Qui c'è sempre una gran confusione, quindi non spaventatevi se vedete passare un topino o una chiocciola... siamo tutti un po' matti! Però tutti con una fiaba da raccontare :)
Buona passeggiata!

lunedì 26 gennaio 2015

Italia 4x4 - Un anno di buoni propositi

Vero, è quasi finito gennaio. Vero anche che non mi piace fare propositi per l'anno nuovo... non so voi, ma io non riesco a rispettarne nemmeno uno! 
Quindi, più che propositi, meglio farsi dei promemoria per non perdersi tante piccole cose che ci possono far sorridere... ancora meglio, facciamo dei promemoria per immagini, dei post it attraverso i sedici creativi dell'Italia 4x4 di questo mese :)

1. Viaggiare di più, fosse anche solo prendere quella stradina davanti alla quale si passa sempre, tanto per vedere dove porta 2. Prendere quella piantina che ci piaceva tanto e tenerla sul balcone 3. Ricordarsi che le scatole possono contenere straordinarie sorprese (sì, anche le scatole da scarpe) 4. Credere nelle fate, giusto un pochino.


- Collana fiore Havana e Honduras, decoupage di Verdesedano
- Orchidea in porcellana fredda di Ida Riccardi - Fra le nuvole
- Pillow box con rosa in alluminio di Piantala -100% carta seminabile made in Italy
- Orhideja, ooak doll di Dreams and secrets of dolls by Tatiana Canini 

Se ve lo state chiedendo, sì è davvero un fiore in pasta di mais! Ida è una delle migliori modellatrici italiane, a mio parere. I suoi fiori sono straordinari. Così come è straordinaria Tatiana, con le sue creature un po' malinconiche... mitica Tati!
Verdesedano... ecco, lei è una di quelle persone che sa davvero fare decoupage. Che sembra una tecnica che possono usare tutti, invece è difficile e necessita di molta cura. E lei lo sa fare... e poi il nome del blog è bellissimo, ecco :D
Piantala non si chiama così tanto per fare: Tania produce carta seminabile. Non solo si può confezionare una bomboniere grazie a una scatola fatta a mano, ma si può anche piantare la stessa scatola e aspettare per vedere che piantine nasceranno :)

5. Fare una passeggiata fra gli alberi, con solo il "frr" delle fronde come colonna sonora 6. Abbracciare un pupazzo morbido che ci restituisce lo sguardo 7. Vedere ancora le cose con gli occhi di un bambino 8. Provare il punto di vista di un'altra cultura, un diverso modo di concepire lo stesso fatto.


- Mokuchan, illustrazione di Sefora Pons - Amorphi
- Decorazioni in feltro di Nanaif
- Bambolina natlizia in pasta di mais di Un Posto per Sognare
- Maiko San, ooak doll di BdG Dreams Come True 

"Mokuchan" fa parte di un progetto più ampio, una specie di bestiario fantastico intitolato "Symbiosis" in cui uomo e natura si fondono... un'idea bella non solo per gli occhi insomma :) E se voleste aiutare l'autrice nel suo progetto, QUI trovate la campagna di crowfounding per far diventare reale questo volume :)
Le creaturine di Nanaif hanno una faccetta espressiva che ti costringe a soffermarti sulla pagina, così come le bamboline di Anna Maria che sono di una dolcezza unica.
Per quanto riguarda la Maiko di Barbara... quando l'ho vista per poco non batto il mento sulla tastiera, aggiungo altro? Non vedo l'ora di vederla dal vero a Miniaturitalia *_*

9. Accarezzare un cane. O anche due... faccia mo tutti quelli che incontro, va'! 10. Fermarsi in un prato pieno di margherite 11. Leggere di nuovo la nostra fiaba preferita 12. Giocare un'altra volta con le bambole, solo una... per non perdere l'abitudine.


- Chow chow in pasta polimerica di Artcanis M.B.
- Ciondolo margherita in rame martellato di Neko Jewels
- Illustrazione di Fabiana Attanasio Illustrations
- Matrioska zipper embroidery, ciondolo di Fantasiria

Dite la verità: quanto sono belli quei tre pelosoni? L'autore è specializzato in cani!
La margherita di Michela è rimasta uno dei lavori che preferisco fra i suoi, semplice e pulita. Cosa non facile, ma con i metalli è straordinaria 'sta donna.
Fabiana Attanasio l'ho scoperta da poco, infatti mi chiedo come ho potuto non vederla fin'ora... sono innamorata persa.
Per quanto riguarda la matrioska... non solo si tratta di soggetti bene fatt ie originali nella forma, ma anche nei materiali: quel bordino dorato che ha è una cerniera!

13. Guardare con occhi diversi anche le creature più piccole 14. Guardarsi un bel film di animazione, tanto non si è mai troppo grandi per quelli (diffidate da chi dice il contrario!) 15. Seguire un arcobaleno; se la pentola d'oro non c'è almeno sarà stato divertente scoprirlo 16. Ascoltare le fusa di un gatto.


- Topini portalavanda in stoffa di Cris De Marchi Atelier
- Ciondolo "Anna" in pasta polimerica di iTenerini by DePo
- Ciondoli bamboline chibi in pasta polimerica di Mondoinundito Creations
- Gatto gnappetto in cartapesta di Le Gnappette

Mi soffermo sui topini o vi immaginate perchè mi piacciono? :D E poi provate a pensare a questi cosini profumati che spuntano dai cassetti...
Il micio è una creazione "gnappettosa" di Cristina Notturno, bravissima a illustrare e ugualmente abile a dar vita alle sue Gnappette con la cartapesta. Le due bamboline dai colori pastello sono l'evoluzione dello stile di Serena che in un anno ( da quando l'ho incontrata sul web) ha fatto un balzo in avanti incredibile... e anche la mamma de iTenerini promette grandi cose... sono convinta che abbia parecchio talento :)

Vi sono piaciute le sedici creazioni 100% handmade di gennaio? E voi quale promemoria aggiungereste per il 2015?
A prestissimo!

martedì 13 gennaio 2015

Piccole Principesse - Rame

Ricordate le principessine di qualche tempo fa? A oro e argento si è aggiunta una terza sorella... una piccola sirena con qualche tocco caldo del rame sulle pinne :)


Il terzetto di piccole principesse marine è completo: oro, argento e rame. Nell'idea originale c'era il bronzo, poi mi sono accorta che non ce lo avevo... furba io, eh? -__-
La sirena è in pasta di mais mentre le pinne sono in sukerukun con applicazioni di foglia oro color rame.


Per la base ho usato conchiglie, muschio e due perle di fiume vere. E' un po' diversa nei colori rispetto alle sorelline; il rame mi è sempre sembrato un tono (e un metallo) caldo, che fa una certa figura accostato a marrone e verde :)


Uno scatto ravvicinato alla sirena... l'altezza complessiva è di circa 7 cm:


E ora, foto di gruppo! Eccole qua tutte e tre insieme pronte e infilarsi in valigia... i tre porcellini, le ho ribattezzate:


In realtà ho ancora due toni di foglia oro che desiderano andare a posarsi sulle pinne di altrettante principessine, ma credo che a Miniaturitalia mi seguiranno solo loro tre.
E voi che tono siete? Oro, argento o rame?
A prestissimo!

mercoledì 7 gennaio 2015

Rosa d'inverno - Fata della neve

"Guarda... non è perfetto questo fiocco di neve? Se prometti di meravigliarti ogni volta che ne vedrai uno, te lo dono insieme alla mia polvere di fata... "
E credetemi, è sempre meglio averne un pizzico di riserva ;)


Era un po' che non si vedeva una fatina in Bottega, dovevo rimediare! E per rimediare mi sono lanciata su una creaturina "di stagione", una fata della neve... molto semplice in realtà, ma che mi ha dato un po' di filo da torcere a causa della mia sadica mania di voler fare esperimenti.
In questa creatura ci sono tre paste diverse: le ali sono in sukerukun, l'elleboro in pasta di mais e la fata è un mix di pasta di mais e Hearty clay. Con la stessa pasta ho fatto anche la neve.


La complicazione è stato proprio il mix: la Hearty è una pasta giapponese che asciuga all'aria, bianchissima e leggera come una piuma. Deve esserci qualche tipo di fibra vegetale perché ha dei micro fili all'interno, cosa che la fa diventare difficile da modellare in "forma umana". Però è talmente bella che ho voluto tentare ugualmente, mischiandola a un po' di pasta di mais.
Alla fine ce l'ho fatta, ma mani e piedi in particolar modo sono stati decisamente ostici!


Le ali in sukerukun sono più trasparenti del solito grazie alla resina (la finitura Cristallo della Stamperia) che ho spennellato sopra... mi piace! *^*
Per l'elleboro, la rosa d'inverno che non poteva mancare fra la neve, devo ringraziare una fatina in forma umana e il suo tutorial. La fatina è Celidonia e il suo tutorial sull'elleboro lo potete trovare QUI... il mio non è all'altezza di quello di Daniela però!
Le dimensioni... l'altezza complessiva è di 6 cm, la fatina è alta 3:


Che dite, com'è andato il mio esperimento pazzo?
Se volete conoscere dal vivo la fatina della neve la troverete a Miniaturitalia... ci venite a trovare? :)
A prestissimo!