Benvenuti in Bottega, il piccolo laboratorio che ho aperto per condividere le mie passioni: la pittura e la pasta di mais. Dai miei pasticci nascono le creaturine della Bottega: fate svolazzanti (attenzione, abbassate la testa), sirene, creature magiche e piccoli animaletti. Qui c'è sempre una gran confusione, quindi non spaventatevi se vedete passare un topino o una chiocciola... siamo tutti un po' matti! Però tutti con una fiaba da raccontare :)
Buona passeggiata!

lunedì 31 dicembre 2012

Verso il nuovo anno...

... e alla faccia dei Maya! XD Il 2013 si avvicina e la Bottega fa gli auguri con il bilancio del 2012... parlando di blog e creatività devo riconoscere che è stato un anno di soddisfazioni che hanno pure aiutato nelle situazioni che proprio soddisfacenti non sono state.
Un nuovo anno è un pezzo di strada in più da fare dopotutto, e i viaggi possono essere qualcosa di incredibilmente piacevole... quindi più che un buon anno, vi auguro un buon proseguimento! :) 


E con il 2013 torno pure a postare qualcosa di un po' più interessante, eh... mica penserete che me ne son stata con le mani in mano(quasi XD)??
In Bottega si lavora per Miniaturitalia... e in fretta anche,che il tempo scarseggia! Per esempio, cosa pensate che diventerà questo?

lunedì 24 dicembre 2012

Buon Natale...

... che sia magico, allegro, colorato, caotico, sereno, brillante... o comunque esattamente come lo volete :)
Un augurio di cuore per questo Natale da me e da tutta la Bottega al completo!


Mi raccomando non abbuffatevi troppo (non fate come la sottoscritta, insomma)... ci rivediamo prima della fine dell'anno! Un abbraccio a tutti!

martedì 18 dicembre 2012

Rosaspina: libro animato

Oggi c'è un "intruso" in Bottega... c'è un libro al posto di uno dei miei soliti coinquilini! :D 


... però, aprendolo, ci si accorge che c'è qualcosa di diverso... avete presente quando si dice che un libro prende vita? Ecco: per questo, la frase va presa in senso letterale...


Che ne pensate della mia nuova follia? XD Questo tipo di libro era un pezzo che mi frullava per la testa, l'occasione di provare si è presentata per uno swap natalizio in tema fiabe. Ovviamente, se fosse venuto male lo avrei fatto sparire nascondendo le prove!
Per farlo ho usato un vero libro (sì, sarei da prendere a schiaffi, ma a mia discolpa posso dire che il libro era brutto, ecco). Ho incollato le pagine e poi ho tagliato la finestra con il taglierino... lavoro luuuungo! Sulle due pagine che si vedono ho inserito una parte di "Rosaspina", una delle fiabe preferite di Maura, la mia compagna di swap. In pratica è la versione dei Grimm de La Bella Addormentata :)
Dopo ho rivestito la copertina con una nuova carta, ho invecchiato le pagine e scritto a mano il titolo... e poi mi sono messa a lavoro sull'interno!


I personaggi sono interamente in pasta di mais, la scena è quella in cui le fate lasciano i propri doni alla principessina... ve la ricordate? :) Ho preso spunto da una splendida illustrazione di Tarrant, che adoro... spero di non averla peggiorata troppo XD


E' stato un lavoro un po' lungo, ma divertente... ammetto di esserne soddisfatta!
E ora una piccola comunicazione di servizio: come avete già capito (per forza, vi ho già fatto una testa così) parteciperò a Miniaturitalia 2013, con una piccola novità. Quest'anno terrò anche un piccolo corso per imparare a modellare i topini... il corso sarà a Milano, venerdì 8 febbraio (17,30 - 21,30). Se qualcuno fosse interessato, basta andare QUI e ci sono tutte le informazioni al riguardo oltre al modulo per partecipare... così date un'occhiata anche agli altri workshop :) Sono 22 quest'anno, con insegnanti come Elisa Fenoglio, Muffa's Miniature o Manuela Michieli... non so se mi spiego! *_*


Scappo... ci sono le ultime creaturine in partenza prima di Natale... tanto ci rivediamo per gli auguri di tutta la Bottega :)

lunedì 10 dicembre 2012

Crepe sulla pasta di mais: cause e rimedi

Un altro post "di servizio"... anche perché non ho creaturine pronte da mostrare, lo confesso XD Qui ho fate che battono il piedino, impazienti di ricevere il proprio vestito, topoli che saltellano, creature che attendono di partire con la valigia pronta... la Bottega in atmosfera natalizia è più caotica del solito!
Perciò, ho pensato che potesse essere interessante parlare del problema peggiore nel quale si incorre lavorando la pasta di mais: le crepe!
Penso che tutti quelli che hanno a che fare con questa pasta le abbiano viste comparire almeno una volta e le abbiano maledette per aver rovinato il lavoro... e soprattutto si siano, anzi ci siamo, chiesti: perché?!
Da quello che ho capito io le cause sono varie (purtroppo)...

1. Errore nella manipolazione della pasta: Questa è una causa strettamente legata all'esperienza, secondo me. Se si lavora la pasta già da un po' viene automatico "eliminare" l'errore, ma chi si avvicina le prime volte alla pasta di mais è più soggetto ad avere delle palline con le crepe... e l'errore stà proprio nel modo di fare la pallina. Dopo aver lavorato la pasta (mi raccomando, va lavorata bene), per lo più si piega in due il pezzetto e si passa a fare la pallina... ed ecco che appare la crepa prima ancora che la pasta si sia asciugata:


La pasta non si salda bene e rimane distaccata, facendo in questo modo, ed è quindi molto più facile che ci siano delle crepette. Magari piccole, ma anche la crepa più piccola tende ad ingrandirsi in asciugatura dato che la pasta di mais restringe. La soluzione è piuttosto semplice: piegate in due la pasta, saldate un po' i bordi con le dita e poi fate la pallina... sembra una cosa quasi banale, ma non lo è affatto... è un'inezia che può salvare un lavoro!


2. Impasto troppo cotto: Nella foto qua sotto ho paragonato un impasto cotto al punto giusto e uno un po' più cotto del necessario. La pasta di mais ben cotta è liscia e omogenea, bella malleabile e morbida quel tanto che occorre a saldarsi mentre modelliamo il pezzo.
Un impasto troppo cotto è, invece, duro e tende a sgretolarsi... e c'è da star sicuri che, non saldandosi bene, farà uscire le crepe. Se è troppo cotto, spesso, non permette nemmeno di fare le palline!


Quindi bisogna cercare di avere un buon impasto, per vedere se la cottura è buona potete fare un piccolo test: prendete un pezzetto di pasta e tiratelo. Se "fila" un po' allora la consistenza è giusta, se si spezza senza filare è un pelo troppo cotto. Il che non significa che sia da buttare, eh... con il mio più duro faccio capelli e vestiti, stanno in posa che è un piacere :D


3. Sbalzi termici in asciugatura: Alla pasta di mais gli sbalzi di temperatura mentre asciuga non piacciono nemmeno un po' (è pure esigente). Il risultato di uno sbalzo possono essere, per l'appunto, le crepe. E' meglio lasciarla asciugare a temperatura ambiente, in luoghi nè troppo caldi (non è un caso che d'estate il rischio di crepe aumenti) nè troppo freddi. Niente forno in nessun caso, da evitare anche l'heat gun/embosser a meno di non stare più che attenti... ho provato e il rischio di bolle da ustione è altissimo! Bisognerebbe evitare anche il termosifone, anche se... onestamente il termosifone lo uso XD L'accorgimento è quello di lasciar tirare un po' la pasta a temperatura ambiente e poi finire l'asciugatura sul calorifero, di solito non ci sono problemi.

4. Strato asciutto che si rompe: La pasta di mais asciuga all'aria, quindi inizia a seccarsi già mentre modelliamo e forma molto presto una specie di pellicola superficiale più asciutta. Se continuiamo a ritoccare la nostra creazione questa pellicola scorre sullo strato sottostante ancora morbido e, avendo ormai perso elasticità, spesso si rompe. Indovinate cosa creano queste microfratture? Di nuovo le crepe maledette -_- Purtroppo qui bisogna solo affidarsi alla pratica: più saremo veloci nella modellazione, meno incorreremo in questo problema.

E se poi, nonostante tutto, la crepe saltassero ugualmente fuori (perché la fortuna sarà anche cieca, ma la sfiga ci vede bene)... l'unica è ripararle. Si spalma la crepa con un po' di colla vinilica, si riempie di pasta fresca, si liscia con cura e poi si livella con la carta vetrata. Il più delle volte le crepe vengono sconfitte :D

Spero che il post sia utile... nel caso abbiate qualcosa da aggiungere o da correggere (potrei aver detto qualche sciocchezza) fatemelo sapere, eh, che aggiorno :)
Torno alle creaturine, altrimenti mi tirano dietro qualcosa!

lunedì 3 dicembre 2012

Principessa del ghiaccio

E' arrivato l'inverno, quello vero! E qui in Bottega ce ne siamo accorti non solo perchè ho le mani che somigliano a ghiaccioli, ma anche perchè è arrivata una sirena del ghiaccio. 
E non una sirena del ghiaccio qualsiasi, ma una principessina... vedete che ha uno sguardo un po' regale? :) 


Diciamo che questo è il mio modo per accogliere l'inverno :D
La sirena è in pasta di mais, con pinne in sukerukun. Per renderla più "ghiacciosa" ho usato un rosa più tendente al grigio per l'incarnato e poi l'ho sfumato con l'azzurro prima ancora che con il rosa... era da tanto che volevo provarci, forse ho trovato il modo finalmente :)


La base è un sasso arricchito con neve in pasta e ghiaccio fatto con il vetro... ok, è vero che sul fondale la neve non c'è, ma passatemi la licenza poetica XD


La foto per le dimensioni... questa volta è leggermente più grande del mio solito per essere una bimba:


Approfitto del post per fare un ringraziamento ufficiale: ringrazio tantissimo le coraggiose ragazze che ieri sono venute al corso! Con ringraziamento speciale per Chiara che ha pure portato un buonissimo dolce al cioccolato *_* Grazie per la bella giornata, spero che il corso vi sia stato utile nonostante l'insegnante che vi è toccata!
Noi ci rivediamo presto con qualche nuova creatura... saluti fatati e toposi!